/ Solidarietà

Solidarietà | 10 settembre 2020, 13:14

Ringraziamenti della LILT a Volontari Autisti del Servizio Oncologico per aver continuato a prestare la loro opera nel periodo dell'emergenza sanitaria (foto)

"Grazie d’esserci stati giorno dopo giorno, per non lasciare spazio al peggior nemico"

Ringraziamenti della LILT a Volontari Autisti del Servizio Oncologico per aver continuato a prestare la loro opera nel periodo dell'emergenza sanitaria (foto)

Si è tenuto ieri sera nella cornice della ClubHouse – Canottieri Sanremo un incontro in cui la Lega Italiana Lotta contro i Tumori ha voluto ringraziare i Volontari Autisti, che nelle settimane più oscure dell’esperienza Covid-19 non hanno mai interrotto l’attività di accompagnamento in ospedale dei pazienti oncologici che devono sottoporsi a chemio, radioterapie, visite ed esami previsti dal piano terapeutico.

“Anche se il timore aveva più argomenti, Voi avete scelto la Speranza” – queste sono state le parole che compendiano perfettamente l’encomio rivolto loro dal Nostro Presidente, Dr. Claudio Battaglia, anche a nome del Direttivo, dei Revisori Contabili - alcuni dei quali presenti alla serata - e di tutta l’Associazione.

Il Presidente ha così proseguito: “Sostenendo logisticamente, con il Vostro altruismo, chi non ha altri su cui contare per i trasferimenti da casa ai reparti in cui si lotta conto un tumore, a maggior ragione quando restare a casa sarebbe stata la scelta più semplice, avete dato ancora maggiore intensità al Vostro essere Volontari. Forti della Vostra profondità e tenacia, assicurando grande attenzione alla prudenza, avete convinto famigliari e amici dell’importanza assoluta del Vostro Fare. Non vi siete mai tirati indietro”.

"Nonostante le regole dovute all’emergenza sanitaria abbiano reso il Servizio Auto più gravoso, il Coraggio degli Autisti LILT ha reso possibili oltre 200 accompagnamenti, rispettando tutte le indicazioni utili a garantire la sicurezza con il distanziamento in auto e facendo fronte a viaggi raddoppiati, quando non triplicati, per consentirlo. Complici le ulteriori difficoltà dovute alla dislocazione a Bordighera del Reparto di Oncologia, sono stati percorsi poco meno di 12 mila chilometri con la mascherina sul volto e, per un tempo che è sembrato lunghissimo, la certificazione in tasca; solo grazie al significato solidale che i Volontari hanno dato nelle settimane della Fase1, i nostri trasportati hanno assicurato un importante supporto nella battaglia contro il tumore. Grazie di cuore!".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium