/ Eventi

Eventi | 28 giugno 2022, 14:09

Sanremo: un’estate di eventi nella Pigna con musica, arte e cultura tra nuove leve e veterani del centro storico (foto e video)

Tornano gli appuntamenti con i festival Rock in the Casbah, Piña e Scambi

La presentazione in piazza dei Dolori

La presentazione in piazza dei Dolori

Il centro storico di Sanremo torna protagonista dell’estate con una lunga serie di eventi che animeranno vicoli e piazze della Pigna nelle prossime settimane. Musica, arte, cultura il tutto all’aria aperta tra le mura della città vecchia.
Questa mattina le associazioni Fare Musica, Adventures, Pigna Mon Amour e Cooperativa CMC, insieme all’assessore alla Cultura Silvana Ormea, hanno presentato le manifestazioni estive della Pigna in piazza dei Dolori, uno degli angoli più suggestivi.
L’estate nella Pigna è un mix di tradizione e innovazione, di vecchia guardia e nuove generazioni che si affacciano al mondo degli eventi. E così tornano istituzioni come Rock in the Casbah e Bravo Jazz che si dividono il centro storico con la new wave di Piña e Scambi; il tutto arricchito dalla proposta culturale di Pigna mon amour e CMC Nidodiragno con quel pizzico di novità che risponde al nome di SanTo Sanremo-Torino.
Finalmente la Pigna è piena di arte” si sente dire dal tavolo dei relatori nel presentare un’estate che ha visto il Comune costretto a dire anche diversi ‘no’ ad alcune delle proposte arrivate tanta è la voglia di andare alla scoperta del centro storico dopo anni di lavoro da parte delle associazioni del territorio per la promozione di una vera perla del Ponente. E ora, finalmente, la Pigna è un ‘tutto esaurito’ di eventi.

L’intervista all’assessore Silvana Ormea

Rock in the Casbah
La manifestazione è infatti tra le più radicate nel panorama musicale e culturale del territorio ligure: da oltre due decenni persegue l'intento di promuovere un’immagine altra della Pigna, quartiere dall'anima preziosa ed autentica, lontano dalla vie patinate e dai punti di interesse più noti e inflazionati.
Con una programmazione musicale giovane e interessante, aperta alle contaminazioni, Rock in the Casbah 2022 accende nuovamente i riflettori su vie dimenticate, include luoghi e persone, abbatte i confini tra centro e “casbah" rivolgendosi ad un pubblico cittadino e turistico, nella duplice veste di proposta di intrattenimento dal grande seguito, nonché di evento promotore di un prezioso sguardo verso il sociale e di riqualificazione del centro storico di Sanremo.
Il calendario del festival RITC si sviluppa come consuetudine nella prima settimana di agosto, con quattro serate di musica rock in tutte le sue declinazioni.
Mercoledì 3 agosto, sipario sull'amata rassegna con un primo appuntamento interamente dedicato al cantautore sanremese Amedeo Grisi, compositore e chitarrista molto amato, prematuramente scomparso lo scorso febbraio. Vari artisti si alterneranno sul palco in quello che vuole essere un doveroso e sincero omaggio ad un autore dal talento unico, ma anche una grande serata musicale, in memoria di un uomo che “fino alla fine” ha saputo combattere ed incarnare con la sua forza l’energia della musica, nonché l'amore per la vita. Tanti sono gli artisti che intervengono: Monia Russo, Marisa Fagnani, Giovanni Tozzi, Alice Grisi, Angela Vicidomini, Alessio Briano, Giulia Pia, Andrea Biancheri, Max Caldarelli, Enzo Cioffi, Raffaele Arieta, Larry Camarda, Berben Band. La resident band è composta da Zack Il Bianco, Mauro Vero, Max Matis, Gianni Martini, Fabrizio Barbera, Steve Foglia.
Giovedì 4 agosto ecco Graziano Romani, noto per aver fondato i Rocking Chairs e per la lunga carriera solista; la sua è stata definita da Paolo Vites come “la miglior voce rock italiana, degna di uno shouter del profondo sud degli States con la pelle nera”. Sul palco ci saranno anche il rapper ponentino Alex Antonov, Gei, e le band I Lupi e The Wavers 51 con il loro progetto dedicato a Bowie, The Cures e alla new wave anni '80 in generale.
Si va incontro al finale venerdì 5 agosto, con una grande terza serata che ospiterà la proposta originale del cantautore imperiese Eugenio Ripepi, noto per la sua curiosità nella sperimentazione e per la qualità di testi e arrangiamenti; quindi i Claynuts, giovane quartetto di musicisti locali, il punk-rock dei D.D.R., la band sanremese pop rock cantautorale Filodiretto fondata da Tommy e Marco Turchetto, ed infine GiniPaoli, collettivo musicale dalle sonorità contaminate e fortemente attuali che si definisce “un progetto tropical-punk, cantato e suonato in itagnól”.
Ed eccoci giunti a sabato 6 agosto, con un ultimo appuntamento ricco di artisti e novità. Si apre già alle 19.30 con un aperitivo folk grazie alla band Tanakh new Folk, guidata da Carlo Ormea per raggiungere scenario balcanici e caposelliani. Segue in serata la band 4centesimi guidata da Raffaele Arieta e Cafiero, progetto cantautorale di Luigi Arieta e Diego Pignotti che affonda le proprie radici proprio nel cuore della Pigna e trova nella canzone italiana l'ispirazione per raccontare le piccole 'rivoluzioni' nate tra le mura di casa ai tempi del lockdown.
Headliner di questa ventitreesima edizione, Filippo Graziani, figlio del noto cantautore Ivan, degno erede musicale del talento paterno ma non solo che si esibirà proprio con la band guidata dal fratello Tommy, batterista di grande talento. Autore e chitarrista, Filippo, ha diviso il palco con grandi artisti come Renato Zero, Vibrazioni, Morgan, Negramaro, Nicolò Fabi, Max Gazzè; ha vissuto e prodotto per un periodo a New York, suonando nei club del Lower east side e arrivando ad essere head liner nello storico Arlene's grocery, club che ha visto gli albori di artisti del calibro di Jeff Buckley e Strokes. La sua scrittura è in italiano ma dal sapore folk elettronico del nord degli Stati Uniti; negli anni ha saputo affermarsi con un'ottima produzione conquistando importanti riconoscimenti tra cui la targa Tenco 2014 come miglior disco esordiente.
Dj Slavo sarà protagonista dei dj set con la consueta complicità di Simone Parisi alias Radiomandrake che presenterà tutte le serate, coinvolgendo il pubblico di RITC con la sua personale interpretazione di “radio” in diretta.
Le riprese video trasmesse in diretta saranno di Simone Caridi e Simone Sarchi.
Audio-luci a cura di Vibra service.
Il servizio bar, organizzato da Associazione Fare Musica, sarà attivo in tutte le sere della manifestazione. 

Bravo Jazz
È una rassegna nata per volere e passione dell’associazione Fare Musica di Sanremo, sull'onda dell'entusiasmo e dell'esperienza di Rock In The Casbah.
Anche in occasione della nona edizione di Bravo Jazz, si consolida sempre di più la collaborazione con la Dem'Art, società attiva da anni anche nell’ambito dell’organizzazione di rassegne in campo jazzistico (Uno Jazz, Festival Jazz di Lainate, Notti in Jazz al Castello Sforzesco, Jazz sotto le Stelle).
Visto il sempre maggior riscontro e richiamo suscitato, viste le potenzialità dimostrate in questi anni, Dem’Art e Fare Musica desiderano nuovamente sensibilizzare l'amministrazione pubblica cittadina a credere in Bravo Jazz per poterla annoverare tra le manifestazioni più importanti della Penisola. Scopo un ulteriore evento di richiamo turistico e di promozione della Città della Musica e di continua rivalutazione del Centro Storico di Sanremo, vero tesoro, ancora in parte nascosto, della città.
Questa nona edizione vedrà il ritorno della rassegna nella tradizionale sede, l'anfiteatro di San Costanzo, nel quartiere La Pigna del Centro Storico di Sanremo, dopo che per effetto della pandemia per due anni si è svolta in altre location.
Il programma si svilupperà nelle serate di giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 luglio 2022.
Tre serate tematiche all'insegna della musica jazz e delle sue contaminazioni.
Si assisterà alle esibizioni di una serie d'importanti realtà che uniscono la prospettiva jazzistica alle influenze della world music, del soul, del funk e del blues, in un equilibrio tra tradizione e presente, in grado di non deludere gli amanti del genere e, nel contempo, di appassionare nuove fasce di pubblico.
21 luglio
“Il jazz d’autore"
Ottimo Minimo
Ottimo Massimo è un cane, un bassotto per la precisione. È il cane di Cosimo Rondò di Piovasco, "Il Barone Rampante" di Italo Calvino. Tra Cosimo e il bassotto c'è un rapporto speciale come speciali sono gli Ottimo Massimo, progetto artistico del musicista sanremese Andrea De Martini. Realtà cangiante dai mille volti uno dei quali Ottimo Minimo, versione più ristretta degli Ottimo Massimo e della Ottimo Massimo Grand Band. Ottimo Minimo si muove fra jazz d’autore.
A firma di Andrea De Martini, e songs di altri compositori.
22 luglio
“La contaminazione”
Vezzoso-Collina-Marchesini Trio
I tre artisti hanno unito i propri talenti per una rivisitazione strumentale, a carattere jazz, di alcune delle più belle canzoni italiane del panorama della musica pop contemporanea.
Presenteranno i loro lavori discografici: “Italian Spirit” e il recentissimo “Kind Of Vasco”, basato quest'ultimo interamente sulle canzoni di Vasco Rossi.
“Il mainstream”
Paolo D’Aloisio Explosion Jazz Trio
Un giovane talento locale, il sassofonista Paolo D’Aloisio, presenterà sul palco di Bravo Jazz un repertorio formato dai cosiddetti standard, ossia brani che fanno parte del grande patrimonio mondiale della musica jazz. La formazione sax tenore, chitarra elettrica e batteria, lascia grande libertà di espressione ed interplay ai componenti.
23 luglio
“L'omaggio a Mingus”
Mingus Project
Il “Progetto Mingus” si presenta sotto forma di una lezione concerto tenuta da una formazione da 6 elementi.
L'argomento trattato è la segregazione razziale e trae spunto dagli eventi dei decenni del secondo dopoguerra (Rosa Parks, Orval Faubus, la rivolta della prigione di Attica). Siamo negli anni '50 70' del secolo scorso. Anello di congiunzione di tutti questi drammatici accadimenti è la musica del grandissimo contrabbassista compositore Charles Mingus, ed i punti toccati nel concerto sono la scuola, la prigione, il lavoro schiavista e tutto il quadro storico di quegli anni.
Le tre serate della rassegna saranno aperte e chiuse dal Dj Wir Ium, che proporrà selezioni musicali appositamente create ed in tema con gli spettacoli degli artisti coinvolti.

Piña
Dall’11 al 13 agosto torna l’evento che vuole rappresentare l’unione tra Sanremo il Sud America tra musica, arte e voglia di vivere il centro storico. Un festival di tre giorni con artisti di portata nazionale e internazionale, una manifestazione che nasce come evento di una sola giornata nel 2018 a Santa Brigida e che negli anni si è guadagnata la ribalta delle location più prestigiose della città vecchia. “Ci piace la musica ricercata e di qualità - ha dichiarato Francesco Scalarandis a nome di Adventures - ci siamo ispirati a chi è venuto prima di noi come Rock in the Casbah e  abbiamo reinterpretato l’idea in base ai nostri gusti”.
Il calendario di Piña sarà svelato nelle prossime settimane ma, intanto, è emersa una prima indiscrezione: la prima serata sarà dedicata interamente alla musica italiana anni ’80. 

Scambi Festival 2022
Dopo mesi di duro lavoro, l’Associazione di Promozione Sociale Oltre può finalmente annunciare con gioia il ritorno di Scambi, il festival dei Laboratori Paneuretici, che avrà luogo alla Pigna di Sanremo dal 25 al 28 Agosto 2022.
Per quattro giorni, il quartiere della Pigna si colorerà di stravanganti iniziative, il cui tema centrale sarà “squilibrio”.
In particolare, le piazze saranno riempite di ben 18 laboratori, in cui il pubblico vivrà esperienze sulle più svariate tematiche: l’emergenza climatica, lo squilibrio mentale e il suo rapporto con emotività ed empatia, i valori sociali nell’internet di oggi, il teatro nella rappresentazione drammatica dell’identità, l’arte circense, lo squilibrio fra i diritti garantiti a persone di genere differente, l’ingiustizia sociale nella criminalità organizzata e nella ricerca incondizionata del profitto, ed infine l’arte supportata dalla Blockchain.
Non mancheranno gli ormai celebri Pinoli, piccoli stand sparsi fra i carruggi del quartiere, che ospiteranno di imprese e associazioni del territorio. Allo stesso modo, parteciperanno realtà internazionali che si connetteranno con il panorama locale. Alcuni Pinoli si sono tenuti già lo scorso anno e, per il grande successo riscosso, saranno riproposti, come nel caso di Da Capo, uno spazio dedicato allo scambio di vestiti usati: un modo semplice, divertente e sostenibile per prendersi cura del nostro pianeta. Per di più, il Gruppo di Lettura Squilibristi sarà protagonista del Pinolo Poesie a Colazione in cui si leggeranno poesie e si scambieranno consigli di lettura e libri. Seguendo il medesimo filo rosso, saranno ospitate mostre ed esposizioni artistiche dedicate allo squilibrio.
Il concorso di cortometraggi Dissolvenze: i corti di Scambi ha ricevuto più di 150 iscrizioni da registз provenienti da tutto il mondo. Una giuria composta da alcuni membri dell’APS e da figure autorevoli nel campo dell’arte audiovisiva selezioneranno un’opera vincitrice per la categoria italiana ed un’altra per la categoria internazionale. I cortometraggi finalisti saranno proiettati in Piazza Santa Brigida durante la serata conclusiva del festival, domenica 28 agosto.
Parallelamente al concorso, la sezione di Scambi dedicata al cinema sta promuovendo Scambi in Sala, una rubrica di analisi dello squilibrio in diverse opere cinematografiche, che durante il festival assumerà le vesti di un vero e proprio cineforum.
La nostra collaborazione con Libera, Associazioni Nomi E Numeri Contro Le Mafie sarà nuovamente suggellata dall’istituzione di un Campo E!State Liberi!, a cui parteciperanno circa 20 ragazzз da tutta Italia. Libera non solo si unisce a Scambi a livello pratico, ma sposa i medesimi ideali, tanto che il coordinamento provinciale dell’associazione porterà un proprio laboratorio.
La riqualifica del territorio è uno dei capisaldi dei nostri intenti, di conseguenza non possiamo che dirci orgogliosз della collaborazione con Pigna Mon Amour, di cui l’ultima serata del cineforum estivo corrisponderà all’inaugurazione di Scambi Festival. Inoltre, l’associazione ci ha da sempre affiancato, ci affianca e continuerà ad affiancarci nella realizzazione dei nostri progetti, incluso il festival di quest’estate.
In virtù della simbiosi che Scambi ambisce a costruire fra il territorio e l’estero, abbiamo aperto la possibilità a 10 ragazzз da tutta Europa di unirsi come volontarз per l’intera settimana del festival. La loro presenza sarà anche uno scambio con famiglie sanremesi che offriranno volontariamente la propria accoglienza. Contemporaneamente, siamo a stretto contatto con istituzioni da tutto il mondo, che saranno presenti durante il festival. Fra queste, un team di studenti statunitensi di Develop For Good ha interamente ricreato il nostro sito web, mentre l’Internet Archive, massima istituzione mondiale per la preservazione del patrimonio culturale su internet, ci coinvolgerà nel DWeb Camp, che si svolgerà nei pressi di San Francisco in concomitanza con Scambi Festival. La partecipazione di persone provenienti dall’estero ha composto una grande porzione del pubblico di Scambi 2021, intendiamo dunque ampliare la nostra offerta ad un pubblico internazionale, dando la possibilità di seguire molte delle attività sia in inglese che in francese.
Scambi tiene profondamente ad essere accessibile a chiunque voglia abbracciare il nostro sghangherato universo, perciò sarà rinnovata la convenzione con il Liceo G.D. Cassini, di cui alcunз studentз riceveranno formazione per accompagnare le persone cieche tra le varie iniziative del festival, altresì offrendo la presenza di unз interprete LIS in qualsiasi momento.
A coronare la magia del festival saranno concerti dal vivo nei più diversi generi musicali. L’Orchestra Note Libere inaugurerà l’edizione, nel pomeriggio del 25 agosto. La sera di sabato 27 agosto il gruppo francese Lu Barcalou suonerà musica occitana, mentre l’associazione Balbosco guiderà le omonime danze. In chiusura dell’edizione, a seguito della premiazione del concorso Dissolvenze, si esibirà la band emergente Perfect Sex Tales.
Lo staff di Scambi non vede l’ora di aprire le danze e iniziare questa nuova fantastica avventura. Nel frattempo, invitiamo tuttз a rimanere connessз e a partecipare numerosз.

CMC/ Nidodiragno produzioni
Una Pigna di Sanremo vitalissima quella che si presenta nell'estate 2022.
Non solo numerosi eventi (il consueto cinema en plein air, gli appuntamenti letterari con la specialissima occasione di incontrare Franco Armino) ma anche una mostra visitabile dall’8 luglio al 28 agosto, arricchita da una serie di eventi oft.
Alla base di questi percorsi l'obiettivo di coinvolgere tra le vecchie mura cittadine fasce dipubblico trasversali per età, cultura e provenienza, nell'ottica di valorizzare il vecchio borgo ed avvicinare nuovi fruitori.
Tutto questo grazie alla collaborazione tra l'associazione Pigna Mon Amour e realtà culturali del territorio (Cooperativa CMC, ristoratori ed altri esercenti del centro storico) e del vicino Piemonte (il prestigioso Mau - Museo Arte Urbana di Torino e OfficineBrand di Domenico Graglia, portale web che connette brand, comunità e persone per promuovere la cultura, il turismo, lo sport e le attività commerciali dei territori).
Le proposte godono del contributo economico dal Comune di Sanremo - Assessorato al Turismo, Sport e Manifestazioni (di concerto con l'Assessorato alla Cultura) e sono inserite nel calendario delle manifestazioni estive 2022 del Comune.
Le iniziative sono: “Cinema sotto le stelle”, XVI edizione della rassegna cinematografica all'aperto in piazza Santa Brigida, sviluppata in 7 serate tra luglio e agosto; “Incontro con il poeta Franco Armino”, venerdì 12 agosto nella location straordinaria delle terrazze del Forte di Santa Tecla; “SanTo”, Sanremo-Torino, mostra-evento dall'8 luglio al 28 agosto a Palazzo Gentile Spinola con artisti selezionati dal Mau - Museo Arte Urbana di Torino, ed alcuni eventi off-incontri (in programma fino a settembre).
Inoltre Pigna Mon Amour ha voluto proporre anche quest'anno la tradizionale rassegna letteraria “Happy hour con l’autore”, sostenendone la realizzazione con risorse economiche proprie.
Lo svolgimento degli eventi è subordinato al pieno rispetto delle normative per l’emergenza sanitaria che saranno in atto.

Cinema sotto le stelle XVI edizione
7 proiezioni cinematografiche dal 7 luglio al 25 agosto piazza Santa Brigida.
Un appuntamento, quello della rassegna Cinema sotto le stelle, ormai entrato a tutti gli effetti nella consuetudine delle estate sanremesi nella Pigna, che nel 2022 festeggia il sedicesimo anno dalla nascita. Anche quest'anno, così come nell'edizione 2021, la nostra proposta dei film au dehors intende sviluppare una precisa tematica, un filo conduttore che quest'anno sarà dedicato agli “Squilibri”. Lo squilibrio non considerato meramente come un difetto, come una mancanza di stabilità, fisica o psichica, bensì come una condizione intimamente legata alla natura umana. La capacità di emozionarsi, comunicare e riflettere tipica dell'uomo produce uno status di complessità, meravigliosa e straziante al medesimo tempo.
Questa meravigliosa complessità è insita nel concetto di sbilanciamento. Di squilibrio. Ed è questa condizione, questo squilibrio, che permette di elevare la dimensione materiale a quella spirituale. Sul tema degli “squilibri” proporremo pellicole di generi trasversali, sempre dirette da prestigiosi registi, con film più datati e produzioni dei giorni nostri, per poter raggiungere un pubblico ampio, dai più giovani agli adulti.
Tutte le proiezioni sono a ingresso gratuito per il pubblico
Calendario: 7 luglio: Book club; 14 luglio: Blackkklansman; 24 luglio: Lady Bird; 28 luglio: This must be the place; 7 agosto: Midnight in Paris; 18 agosto: Il mio amico Eric.
giovedì 7 luglio – ore 21.15
Book club (2018)
regia Bill Holderman
Le vite di quattro amiche vengono sconvolte quando il loro salotto letterario affronta la lettura del famigerato 'Cinquanta sfumature di grigio': vecchie fiamme si riaccendono, nuovi amori nascono. Diane (Diane Keaton), Vivian (Jane Fonda), Sharon (Candice Bergen) e Carol (Mary Steenburgen) si ispirano alla vicenda per rendere il prossimo capitolo delle proprie vite migliore.
giovedì 14 luglio – ore 21.15
BlackKklansman (2018)
regia Spike Lee
Colorado Springs, primi anni Settanta. Negli Stati Uniti dove infuria la lotta per i diritti civili, Ron Stallworth (John David Washington) è il primo detective afroamericano del dipartimento di polizia della città, ma il suo arrivo è accolto con scetticismo ed ostilità dai membri di tutte le sezioni del distretto. Imperterrito, Stallworth decide di farsi un nome e di fare la differenza nella sua comunità. Si imbarca quindi in una missione molto pericolosa e quasi impossibile: infiltrarsi nel Ku Klux Klan ed esporne i crimini. Fingendosi un estremista, Stallworth contatta telefonicamente il gruppo e presto riesce a penetrare all'interno della sua cerchia più ristretta. Riesce anche a costruire una sorta di stretto contatto con il Gran Maestro del Klan, David Duke (Topher Grace), che, ignaro, arriva ad elogiare l'impegno di Ron ai fini del progresso dell'America Bianca. Man mano che l'indagine sotto copertura procede, diventando sempre più complessa, il collega di Stallworth, Flip Zimmerman (Adam Driver), partecipa al posto di Ron (che non può ovviamente essere presente di persona) agli incontri privati con i membri del KKK, vendendo così a conoscenza dei dettagli di un complotto mortale. Stallworth e Zimmerman fanno squadra e uniscono gli sforzi per fermare l'organizzazione. Tratto da una storia vera.
domenica 24 luglio – ore 21.15
Lady Bird (2017)
regia Greta Gerwig
Christine rifiuta il nome che le è stato attribuito, per usarne uno che si è scelto: Lady Bird. Odia Sacramento, la sua città dove non succede nulla, e sogna New York. Nella lotta per affermare le proprie scelte la asseconda il padre disoccupato, ma non la madre infermiera, preoccupata per il suo futuro.
Sotto le mentite spoglie del racconto di formazione di area indie, Greta Gerwig, al suo debutto da regista in solitudine, confeziona un'opera generazionale e universale, capace di comunicare al di là delle barriere culturali.
giovedì 28 luglio – ore 21.15
This must be the place (2011)
regia Paolo Sorrentino
Cheyenne, ebreo, cinquantenne, ex rock star di musica goth, rossetto rosso e cerone bianco, conduce una vita più che benestante a Dublino. Trafitto da una noia che tende, talora, ad interpretare come leggera depressione. La sua è una vita da pensionato prima di aver raggiunto l’età della pensione. La morte del padre, con il quale aveva da tempo interrotto i rapporti, lo riporta a New York. Qui, attraverso la lettura di alcuni diari, mette a fuoco la vita del padre negli ultimi trent’anni. Anni dedicati a cercare ossessivamente un criminale nazista rifugiatosi negli Stati Uniti. Accompagnato da un’inesorabile lentezza e da nessuna dote da investigatore, Cheyenne decide, contro ogni logica, di proseguire le ricerche del padre e, dunque, di mettersi sulle tracce, attraverso gli Stati Uniti, di un novantenne tedesco probabilmente morto di vecchiaia.
domenica 7 agosto – ore 21.15
Midnight in Paris (2011)
regia Woody Allen
Gil (sceneggiatore hollywoodiano con aspirazioni da scrittore) e la sua futura sposa Inez sono in vacanza a Parigi con i, piuttosto invadenti, genitori di lei. Gil è già stato nella Ville Lumiere e ne è da sempre affascinato. Lo sarà ancor di più quando una sera, a mezzanotte, si troverà catapultato nella Parigi degli anni Venti con tutto il suo fervore culturale. Farà in modo di prolungare il piacere degli incontri con Hemingway, Scott Fitzgerald, Picasso e tutto il milieu culturale del tempo cercando di fare in modo che il “miracolo” si ripeta ogni notte. Questo susciterà però dei dubbi nel futuro suocero.
giovedì 18 agosto – ore 21.15
Il mio amico Eric (2009)
regia Ken Loach
La vita di Eric, il postino, sta andando a rotoli. La famiglia caotica, i guai con i figli e la betoniera in giardino non aiutano, certo, ma a tormentare Eric è soprattutto un segreto che si porta dentro da trent'anni. Riuscirà ad affrontare Lily, la donna che ha amato e abbandonato da ragazzo? Nonostante l'entusiastico e a volte strampalato sostegno dei suoi amici e compagni di fede calcistica, Eric continua ad affondare. Nei momenti di disperazione, ci vogliono uno spinello e un amico speciale per convincere un postino in crisi a intraprendere il difficile viaggio nel territorio più insidioso: il passato.
L'uomo che non c'era (2001)
regia Joel Coen
Ambientato nell'estate del 1949, L'uomo che non c'era racconta la storia di Ed Crane, un barbiere che vive in una cittadina del nord della California, profondamente insoddisfatto della vita che conduce. Ad un certo punto la scoperta dell'infedeltà della moglie Doris gli fornisce l'opportunità di organizzare un ricatto attraverso il quale, secondo lui, la sua vita potrebbe cambiare. Purtroppo però, il piano di Ed porta alla luce segreti ancor più oscuri che sfoceranno in un omicidio.

Incontro con il poeta Franco Arminio
venerdì 12 agosto
ore 21.30
terrazze del Forte di Santa Tecla
Franco Arminio è uno dei poeti italiani contemporanei di maggior successo, con un seguito di affezionatissimi lettori in tutto il Paese.
Numeri da "star" del web con i quasi 100.000 follower su Facebook e gli oltre 85.000 su Instagram.
È nato e vive a Bisaccia (Avellino), in Irpinia d'Oriente. La sua produzione poetica e tutta la sua attività sono legate a doppio filo al territorio e alla difesa degli equilibri dello stesso. Cosa che lo ha portato a definirsi “paesologo”.
La presenza di Arminio a Sanremo costituisce una vera "perla" del calendario di eventi estivi di Venerdì 12 agosto (ore 21.30) nella straordinaria location delle terrazze del Forte di Santa Tecla il pubblico potrà entrare nella poetica intima e, allo stesso tempo, piena di forti significanti, di Arminio, in un incontro-chiacchierata impreziosito da letture di alcune sue composizioni.
Di lui Emanuele Trevi, critico letterario, dice: “Gli basta una manciata di sillabe, connesse da un gioco sapiente di rime ed assonanze, e un intero destino si staglia sapiente nettamente sul bianco della pagina”.
Arminio si è battuto, e continua a battersi, contro lo spopolamento dei piccoli centri dell’Italia interna. In questo senso molte sono state le azioni perpetrate, tra cui l'ideazione della Casa della paesologia a Bisaccia e il festival La luna e i calanchi ad Aliano, paese di 900 abitanti in provincia di Matera dove è stato ambientato il libro Cristo si è fermato ad Eboli.
Il suo ultimo libro è “Lettera a chi non c’era (2021)”. Per Einaudi ha pubblicato Studi sull’amore (2022).
Biglietto di ingresso euro 10,00 (include il diritto di accesso al Forte di Santa Tecla)

SanTo Sanremo-Torino
mostra d'arte ed eventi off a cura di Domenico Graglia
da 8 luglio a 28 agosto
Palazzo Gentile Spinola
Eventi off in altre location del centro storico (Museo Civico ed altri)
Dall'8 luglio al 28 agosto Palazzo Gentile Spinola ospita “SanTo, Sanremo-Torino” una mostra-evento con le opere di 10 artisti selezionati dal prestigioso Mau - Museo Arte Urbana di Torino.
Il museo torinese, con la curatela a firma Edoardo di Mauro, fornisce le opere e mette in connessione il capoluogo piemontese, da sempre attivissimo dal punto di vista artistico, con il centro storico sanremese,
Un trait d'union tra Sanremo e Torino, quello sintetizzato nel titolo dell'iniziativa (SAN-TO), che vuole essere anche uno stimolo all'economia delle Arti e una forma di promozione del territorio e delle sue ricchezze artistiche (quale Palazzo Gentile Spinola, in primis).
Oltre alla mostra tout court, sono in programma anche eventi collaterali: un appuntamento di finissage ed incontri con gli stessi artisti in mostra, anche in luoghi della Pigna esterni alla sede espositiva. Tra questi, il Museo Civico in piazza Nota, che ospiterà una speciale “chiamata alle arti” e un evento conclusivo a settembre.
Tutte le attività artistiche ospitate nel centro storico trovano ulteriore cassa di risonanza anche online, grazie alla collaborazione fattiva di OfficineBrand, portale web che connette brand, comunità e persone per promuovere la cultura, il turismo, lo sport e le attività commerciali dei territori.
Viene nell'occasione realizzata una cartolina / invito con tecnologia QR-Code che funge anche da catalogo digitale, per poter promuovere gli eventi ad ampio raggio.
Ingresso alla mostra e agli eventi oft gratuito per il pubblico.

Happy hour con l’autore XII edizione
piazzetta dei Ferri
Torna per il XII° anno Happy hour con l'autore, l'ormai tradizionale ciclo di presentazioni di libri proposte nelle estati del centro storico da Pigna Mon Amour.
La rassegna viene realizzata, quest'anno, con risorse economiche dell'Associazione, che ha inteso non rinunciare ad un appuntamento culturale ormai storico.
Si ripete la collocazione che ha caratterizzato le precedenti edizioni, ovvero ad orario aperitivo (ore 19.00) e in piazzetta dei Ferri.
Le tre presentazioni saranno coordinate e introdotte da Massimo Milone e coinvolgeranno scrittori liguri e lombardi.
Le pubblicazioni sono tutte di genere noir con uno sguardo particolare, nel caso dell’ultimo appuntamento, alla città di Sanremo.
Gli incontri sono a partecipazione del pubblico libera e gratuita.
Calendario
sabato 30 luglio - ore 19.00
Marco Marinoni presenta il libro “La memoria del male” (editore Ugo Mursia)
sabato 6 agosto - ore 19.00
Gino Marchitelli presenta il libro “Panico a Milano” (Fratelli Frilli editori)
martedì 9 agosto - ore 19.00
Morena Fellegara presenta il libro “Il giocatore” (Fratelli Frilli editori)

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium