/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 30 settembre 2011, 08:45

Sanremo: la Polizia irrompe nella Pigna all'alba, i particolari dell'operazione 'Padroni di Casa'

Oltre 50 agenti impiegati, insieme all'unità cinofila e ad un elicottero. L'operazione è stata voluta dal Questore, Pasquale Zazzaro.

Ha preso il via nella serata di ieri ma di fatto è culminata questa mattina all’alba, come anticipato stamani dal nostro giornale, l’operazione della Polizia, denominata ‘Padroni di casa’. Sono state eseguite 13 ordinanze di perquisizione, disposte dal procuratore capo Roberto Cavallone, aventi per obbiettivo altrettanti 'rifugi' ed abitazioni all'interno della Pigna di Sanremo ed una serie di controlli alla scogliera del porto vecchio. 50 gli agenti intervenuti, tra il personale del Commissariato, dalla Volante alla Polizia Scientifica e quello di supporto del Nucleo Mobile insieme alle squadre del reparto di prevenzione crimine. E’ stato fatto intervenire anche l'elicottero della Polizia di Stato partito da Malpensa. Tutti loro si sono mossi sotto la supervisione del primo dirigente per la Polizia di Sanremo, Nicola Zupo direttamente in prima linea per controllare l'operato dei suoi uomini.

Al termine dell'attività sul territorio sono emersi i numeri di questa prima fase di lotta alla criminalità nella Pigna di Sanremo: 32 persone identificate, tutti extracomunìtari; 1 tunisino è stato arrestato per detenzione fnalizzata allo spaccio di stupefacente, si tratta di Idris Bennsib 21enne irregolare, trovato con 27 g di eroina; 1 persona è indagata in stato di libertà per inosservanza del Foglio di via Obbligatorio del Questore di Imperia; 1 persona è indagata in stato di libertà per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina; 1 persona è stata indagata in stato di libertà per ricettazione e possesso di materiale contraffatto; 2 tunisini regolari ma residenti in altra regione sono stati muniti del Foglio di Via Obbligatorio dal Questore di Imperia; 52 borse e materiale vario contraffatto sono state poste sotto sequestro.

Le immagini dall'elicottero della Polizia:



"Dalle ordinarie attività di polizia che vengono effettuate quotidianamente risulta conclamata in quella zona del centro storico una significativa presenza di cittadini stranieri di nazionalità senegalese e magrebina in parte clandestini o irregolari sul territorio nazionale, dediti a vari traffici illeciti. - spiegano dal Commissariato di Polizia - In particolare i senegalesi si dedicano prevalentemente se non esclusivamente alla vendita abusiva di merce con marchi contraffatti, merce che viene loro fornita da personaggi anche di spicco della malavita locale e non, come hanno dimostrato recenti indagini di polizia giudiziaria. Per quanto riguarda, invece, i cittadini magrebini clandestini è assodato il loro impiego nello spaccio al minuto di sostanze stupefacenti (cocaina ed hashish). A ciò si deve aggiungere l'aumento dei cosiddetti 'profughi' provenienti dalla Tunisia a seguito dei noti rivolgimenti politici di quel Paese. Molti di questi nel passato anche recente sono stati arrestati per il reato di violazione di domicilio nonché per spaccio di sostanze stupefacenti. Il che fa ritenere più che probabile, proprio per le loro condizioni di vita, che siano entrati a far parte dei circuiti criminali locali come manovalanza del crimine".

L'operazione, disposta dal questore Pasquale Zazzaro, è stata voluta per attuare una forma di controllo su due delle gravi problematiche della città vecchia l'immigrazione clandestina e lo spaccio di sostanze stupefacenti. Diversi gli extracomunitari controllati dagli agenti stamani all'alba ma al momento non risultano sequestri di droga. Qualche posizione irregolare è stata riscontrata ed almeno 5 sono le persone portate al commissariato per accertamenti.

All'arrivo nella Pigna, nonostante l'ora si è comunque avvertito per i vicoli, il classico ‘fuggi fuggi’. Forse qualcuno li aveva avvisati su cosa stava per accadere e così c’è stato chi ha preferito allontanarsi prima di esser portato negli uffici della polizia. Impiegate sul campo anche le unità cinofile per quanto riguarda la ricerca dello stupefacente nelle varie cantine adibite ad uso abitativo. A questo poi si sono aggiunti i controlli per quanto concerne la merce a marchio contraffatto e non meno importanti la regolarità dei contratti d'affitto che spesso agiscono in contrasto con le norme sull'immigrazione clandestina.

"L'operazione ha la denominazione 'padroni di casa' perché si prefigge anche lo scopo di rassicurare i residenti della Pigna della presenza della Polizia di Stato nel territorio della zona vecchia di Sanremo e far intendere a chi vive di attività delittuosa che non è e non sarà mai consentito a chicchessia di ritenere un territorio come di sua competenza, in quanto, in estrema sintesi, i padroni di casa a Sanremo sono e saranno sempre quei ciuadini che costituiscono la parte onesta della città. - spiega Nicola Zupo che poi, in merito ai controlli assicura - questo non sarà l'ultimo controllo si tratta solo di una prima fase e nelle settimane a venire saranno frequenti".

Il video dell'Operazione con l'intervista al primo dirigente Nicola Zupo




(Nella gallery le foto di stamattina)

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore