Elezioni comune di Diano Marina

 / Politica

Politica | 30 luglio 2021, 19:22

Sanremo: a settembre l'on. Raffaella Paita relazionerà sul completamento dell'Aurelia Bis

In consiglio comunale discussa anche un'interpellanza sul Parco Franco Alfano presentata dal gruppo di Liguria Popolare.

Sanremo: a settembre l'on. Raffaella Paita relazionerà sul completamento dell'Aurelia Bis

Nella prima parte del consiglio comunale di Sanremo, il gruppo di Liguria Popolare ha  illustrato un’interpellanza inerente la gestione del Parco Franco Alfano e la proposta di utilizzare una struttura coperta. “Siamo intanto contenti che l’auditorium sia tornato a disposizione dopo quattro lustri” ha detto Andrea Artioli, che ha poi parlato della discussione sollevata da alcune strutture private adiacenti (alberghiere) che lamentavano problemi per i rumori provenienti dal Franco Alfano, chiedendo la realizzazione di strutture per l’insonorizzazione. “Se si tratta di realizzare una copertura ulteriore e infrastrutture che vadano incontro all’orchestra o ai fruitori per valorizzare la struttura è un discorso – ha spiegato - ma se il Comune deve farsi carico di vantaggi per un privato è una cosa molto diversa e noi non siamo assolutamente favorevoli”. A rispondere è stato l’assessore al turismo Giuseppe Faraldi: “Avendo effettuato delle verifiche sonore è stata accertata l’assenza di disturbi – ha spiegato - Per quel che riguarda la copertura, nessuno ha mai pensato di proporre una tale struttura per la  pioggia o per una insonorizzazione acustica. In futuro potrebbe essere interessante ragionare su questo per un allungamento della stagione, ma allo stato attuale non c’è nulla”.

Come annunciato in precedenza, in un’intervista a ‘2 ciapetti con Federico’, Liguria Popolare ha poi presentato un’interpellanza per avere aggiornamenti sull’iter del completamento dell’Aurelia Bis di Sanremo. Andrea Artioli ha ripercorso le ultime tappe, con l’inserimento recente dell’infrastruttura nel piano nazionale da cui era stata precedentemente esclusa. L’assessore ai lavori pubblici Massimo Donzella, in fase di risposta, ha specificato che “Questa opera è strategica perché la difficoltà di raggiungere la  città rappresenta un ostacolo per lo sviluppo turistico ed economico. Per questo ci stiamo facendo parte diligente perché lo studio di fattibilità possa trovare nuove idee ed abbiamo sollecitato i parlamentari recependo le istanze del territorio.  I primi di settembre l’On Paita verrà in audizione per aggiornarci sull’iter. Il 16 luglio ci siamo intanto recati presso l’Anas a Genova per valutare la loro disponibilità a portare avanti il progetto da studio di fattibilità a definitivo”. “Ogni consiglio comunale ci sarà una nostra interpellanza su questo tema fino a quando non vedremo che qualcuno verrà a tagliare il nastro e la strada inaugurata – ha risposto Artioli - La nostra non è un’area di Serie B e non è possibile che a distanza di 40 anni questa opera non sia ancora conclusa”.

Stefano Isaia, consigliere della Lega, ha poi presentato un’interrogazione sulle condizioni del manto stradale in via Padre Semeria. “Sono ormai trascorsi molti anni dall’ultimo intervento radicale – ha detto – Chiediamo quindi che vengano attuate soluzioni”. L’assessore Massimo Donzella ha risposto che “In meno di tre anni sono stati destinati 300 mila euro per rimettere in sicurezza strada e marciapiedi, e l’eliminazione dei pini – ha detto – C’è quindi stata attenzione. Gli uffici hanno però anche chiesto l’entità dei fondi per risolvere definitivamente il problema, ed ammontano ad 1 milione e 100 mila euro. Le risorse sono limitate ma l’Amministrazione si farà carico di questa situazione. Verrà anche ridotto il limite di velocità per evitare problemi alla sicurezza che è il punto fondamentale”. “I fondi sono stati spesi nella parte alta – ha risposto Daniele Ventimiglia – è un inizio ma questo non toglie la problematica generale. Siamo contenti degli interventi per la sicurezza che sono prioritari”.

Liguria Popolare ha infine discusso un’interpellanza su Amaie Energia “Quando abbiamo votato le modifiche allo statuto – ha detto Andrea Artiolimai si era parlato che divenisse braccio operativo del Comune di Taggia che ha lo 0,3% sdel capitale sociale. Ora invece leggiamo questo in un’intervista pubblicata su Sanremonews. Non ci risulta che ci stata alcuna decisione o delibera in tal senso, ci chiediamo come il presidente di Amaie Energia abbia potuto dire questo”. L’assessore Massimo Rossano ha precisato che: “La frase ‘diventare un braccio operativo’ si riferisce alla modifica dello statuto sociale – ha detto – non deve essere visto in chiave negativa”. Artioli ha poi lamentato la mancanza di comunicazione delle intenzioni che la società, pur nella sua autonomia, ha intenzione di prendere.

 

Federico Marchi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium