/ Attualità

Attualità | 09 dicembre 2020, 17:11

Rocchetta Nervina: iniziati i lavori per rimuovere il ponte provvisorio e riaprire totalmente la strada Provinciale (Foto e Video)

Nel novembre scorso, lo ricordiamo, una frana di grosse dimensioni ha costretto l’installazione del ponte provvisorio e, nel frattempo, la Provincia ha eseguito i lavori di ricostruzione e consolidamento della strada, che tra poco sarà nuovamente percorribile.

Rocchetta Nervina: iniziati i lavori per rimuovere il ponte provvisorio e riaprire totalmente la strada Provinciale (Foto e Video)

Sono iniziati questa mattina, e dovrebbero durare tre o quattro giorni, i lavori di rimozione del ponte allestito nel gennaio scorso, per togliere dall’isolamento il piccolo centro di Rocchetta Nervina, a due chilometri dal paese sulla strada Provinciale 68.

Nel novembre scorso, lo ricordiamo, una frana di grosse dimensioni ha costretto l’installazione del ponte provvisorio e, nel frattempo, la Provincia ha eseguito i lavori di ricostruzione e consolidamento della strada, che tra poco sarà nuovamente percorribile. La soddisfazione del Sindaco di Rocchetta, Claudio Basso, eletto nel settembre scorso: “Siamo felici che, in tempi relativamente rapidi, si è costruito il ponte grazie alla sinergia tra gli enti. Ora abbiamo iniziato a rimuovere il ponte e, quindi, tra alcuni giorni torneremo a vivere nella normalità. La comunità è stata partecipe e capisce le problematiche con la vita che si è svolta quasi normalmente”. La vita in montagna non è facile con le intemperie e a ottobre qualche timore lo avete avuto anche voi: “A noi è andata bene – ha detto – e siamo stati più fortunati di altri nonostante qualche frana l’abbiamo registrata”.

Come sono andati i primi mesi del mandato da Sindaco: “Sta andando bene anche perché grossissimi problemi non ne ho riscontrato, anche in funzione del fatto che ero presente nella precedenti amministrazione, portando avanti i progetti esistenti. Certo ci si deve dedicare del tempo”. Senza dimenticare le problematiche di ristoranti, bar e alberghi, che hanno dovuto registrare pesanti perdite: “Le restrizioni Covid ci stanno dando gli stessi problemi che si vivono in tutto il Mondo e a subirne di più sono le attività del paese, bar e ristoranti, che fanno da traino alla nostra economia”.

Con l’apertura del cantiere, il traffico veicolare nel tratto interessato dai lavori sulla Sp 68, è stato interrotto mentre è consentito il passaggio ai pedoni. Come per l’emergenza di un anno fa, vengono garantiti i servizi di prima necessità e l’assistenza sanitaria di primo intervento.

Il Direttore dei Lavori, il Geometra della Provincia Bruno Lorenzi, ha sottolineato l’importante obiettivo raggiunto: “E’ veramente importante – ha detto – per dare una viabilità al paese di Rocchetta e, da oggi, abbiamo fatto partire le operazioni di assemblaggio della gru. La strada rimarrà chiusa tre o quattro giorni, compatibilmente con il meteo e con la celerità delle operazioni. Quindi tutto tornerà alla normalità, con il ripristino del traffico sulla strada originale”.

La Provincia è sempre alle prese con lavori fondamentali, soprattutto nell’entroterra, a causa dei danni provocati dal maltempo: “Sicuramente a ottobre l’estremo Ponente della provincia è stato parzialmente graziato mentre in altre zone i colleghi stanno lavorando alacremente per risolvere le problematiche registrate, soprattutto in Valle Argentina e nel Dianese”. Fondi: “La Provincia ha 800 chilometri di strade e, con le risorse proprie che sono state sempre più ridotte negli anni, non riesce a far fronte a tutti i problemi. Garantiamo la manutenzione ordinaria ma, quando ci sono accadimenti come questo, sul piano economico servono interventi esterni per far fronte a tutto”.

E' intervenuto anche il Presidente della Provincia, Domenico Abbo“Voglio ringraziare tutti: dipendenti, ditte e chiunque si è adoperato per risolvere le problematiche che si sono create nel novembre scorso. Si tratta di un’opera che ha visto un bel lavoro, che si è evoluto su un tema davvero spinoso che, per fortuna si era praticamente risolto prima del Covid anche se, nonostante la pandemia, siamo riusciti a svolgere regolarmente per riaprire la strada”.

Rocchetta Nervina guarda ora al futuro con maggiore fiducia. Il costo del ponte, lo ricordiamo, è stato di circa 200mila euro mentre i lavori per il ripristino della strada, ammontano a circa 600mila.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium