/ Politica

Politica | 23 ottobre 2014, 09:21

Discarica di Collette Ozotto e 'Lotto 6': nuovo duro attacco dell'opposizione al Sindaco Genduso

"Avrà cambiato idea ora che, anche se con oltre un anno di ritardo, la provincia sta cercando le alternative al lotto sei mediante conferimenti di rifiuti fuori provincia?"

Discarica di Collette Ozotto e 'Lotto 6': nuovo duro attacco dell'opposizione al Sindaco Genduso

"Il sindaco Genduso un anno e mezzo fa tuonò: 'Demagogo chi cerca alternative al lotto 6. La nuova discarica è inevitabile!'. Avrà cambiato idea ora che, anche se con oltre un anno di ritardo, la provincia sta cercando le alternative al lotto sei mediante conferimenti di rifiuti fuori provincia?"

Lo scrivono i Consiglieri Comunali di opposizione Mauro Albanese, Massimo Alberghi, Piero Arieta, Lucio Cava e Mario Conio, che proseguono: "La soluzione da noi prospettata e caldeggiata nell'ottobre 2013, quella di utilizzare solo in piccola parte le disponibilità residue del lotto 5 e nel contempo trasportare i rifiuti fuori provincia al fine di poter arrivare alla costruzione del futuro impianto senza devastare una intera collina col cosiddetto 'Lotto 6' era stata bocciata senza appello da provincia e comune di Taggia. Era stata ritenuta dal Sindaco nell'ordine demagogica, pretestuosa ed inattuabile. Molto meglio, secondo il comune di Taggia e la Provincia, perpetrare uno scempio ambientale e allora è stata, dopo una finta ricerca di alternative nell'estate 2013, indetta subito la gara di appalto. Non bisognava perdere tempo!"

"Solo l'indagine in corso della magistratura - terminano i firmatari della missiva - ha fatto cambiare idea a Sindaco e amministrazione provinciale; solo ora si parla di trasferimenti  fuori provincia e allora ecco che ritorna di attualità lo schema di conferimento che avevamo sottoposto al Comune e ai funzionari provinciali senza avere il benché minimo riscontro pratico, salvo ammettere, quest’ultimi, verbalmente, che mancava proprio poco per chiudere il cerchio. Ritorna di attualità ciò che ripetevamo sempre, ossia che le alternative ci sono, basta avere la volontà politica di cercarle. Ci chiediamo, perché  non farlo prima? E' un interrogativo pesantissimo, immaginiamo che gli interessati se ne rendano conto".

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium