/ CRONACA

CRONACA | 23 agosto 2018, 13:50

Ospedaletti: ha riaperto gli occhi ma resta in coma vigile Alena Sudakova, la ragazza precipitata da Capo Nero dopo la lite con un 32enne algerino

Le sue condizioni restano gravissime e rimane la prognosi riservata

I soccorsi sul luogo della caduta

I soccorsi sul luogo della caduta

Dopo le vergognose bufale dei giorni scorsi emergono i primi aggiornamenti sulle condizioni di salute di Alena Sudakova, la 22enne russa precipitata a fine luglio dalla scogliera del Belvedere di Ospedaletti dopo una lite con il 32enne algerino Zied Yakoubi.

La giovane ha aperto gli occhi ma resta ancora in coma vigile. Non è cosciente e non ha avuto modo di interagire con chi le sta vicino.
Le sue condizioni restano sempre gravissime per via delle lesioni riportare nella caduta e, nonostante qualche indiscrezione trapelata oggi, la prognosi resta riservata.

Intanto gli inquirenti proseguono nella ricostruzione dell'accaduto. Quella notte, quasi all'alba, Alena è precipitata dalla scogliera dopo una lite con il 32enne nordafricano con il quale avrebbe passato parte della serata. Testimoni dicono di aver assistito alla violenta colluttazione con la giovane che sarebbe stata strattonata per i capelli e gettata verso il mare.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium