/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 25 maggio 2012, 15:12

Interrogazione in Provincia sulle sagre, la risposta di un consigliere di Triora a Claudio Martini

Cristian Alberti non ci sta e risponde al consigliere dell'IDV che le sagre non sfuggono ad alcun controllo igienico sanitario ma vengono segnalate all’ASL e autorizzate dal Comune competente

Interrogazione in Provincia sulle sagre, la risposta di un consigliere di Triora a Claudio Martini

"E con grande stupore che leggo l’interrogazione in Provincia del Consigliere dell’IDV Claudio Martini. Premetto di essere un Consigliere di Maggioranza del Comune di Triora e sono altresì membro del Consiglio Direttivo della Pro Loco di Verdeggia e socio di diverse altre associazioni tuttavia scrivo la presente a titolo del tutto personale". Ad intervenire in  risposta all'interrogazione sulle sagre è Cristian Alberti consigliere in Comune a Triora

"Il Consigliere Martini - continua Alberti - scrive che le sagre  creano concorrenza sleale con i ristoranti e le attività commerciali poiché gli organizzatori - Associazioni o Pro Loco, le quali, queste ultime, sono senza scopo di lucro e pertanto investono i loro pochi ricavati derivanti dalle sagre spesso in opere per il paese o iniziative sociali e Associazioni che fanno correttamente il loro lavoro approvano poi il bilancio nell'Assemblea dei soci - non mettono in regola il personale sfuggendo poi a permessi e controlli igienico sanitari e non hanno alcun effetto economico rilevante per l’economia dei centri in cui si svolgono causando altresì la perdita di numerosi posti di lavoro.

Vorrei sottolineare al consigliere Martini (forse non conosce minimamente la realtà delle sagre e dell’associazionismo e nemmeno la normativa in materia) che le sagre non sfuggono affatto ad alcun controllo igienico sanitario ma vengono segnalate all’ASL tramite Segnalazione Certificata di inizio Attività, e autorizzate dal Comune territorialmente competente e se la manifestazione si svolge in luogo con capienza maggior di duecento persone sono altresì soggette al parere vincolante della Commissione di Vigilanza composta da Vigili del Fuoco, AsL, Sindaco e professionista tecnico specializzato in materia impiantistica

In secondo luogo (ma non per minore importanza) il personale non è in regola semplicemente perché costituito da volontari che prestano servizio gratuitamente e meritano rispetto e riconoscenza perché spesso lo fanno sacrificando il proprio tempo libero e magari le loro vacanze.

Il personale stesso poi è formato da appositi corsi organizzati dall’Asl.

Non è inoltre affatto vero che le sagre non hanno alcuna ricaduta economica anzi, soprattutto nei piccoli paesi dell’entroterra richiamano centinaia o a volte migliaia di persone che altrimenti non ci andrebbero e creano inoltre un momento di importante aggregazione tra persone che magari si vedono solo in tali occasioni pocihè magari emigrati o possessori di seconde case o semplicemente amanti del nostro bellissimo ponente ligure.

Mi permetto pertanto di consigliare al Consigliere Martini, anziché dedicare parte del suo prezioso tempo libero ad interrogazioni di cui non conosce bene la materia ad approfondire meglio l’argomento e perché no magari fare anche un po’ di volontariato sul campo.

A. Gu.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium