/ Politica

Politica | 04 ottobre 2021, 07:35

Sanremo: il gruppo politico della Fos insiste "Far confluire 'Casa Serena' nella fondazione Borea-Massa"

“La Rsa produce da anni un importante deficit di bilancio che deve essere affrontato e sanato in modo organico”.

Sanremo: il gruppo politico della Fos insiste "Far confluire 'Casa Serena' nella fondazione Borea-Massa"

Il gruppo di cultura politica della Federazione Operaia Sanremese ha apprezzato la decisione del Comune di Sanremo di revocare il contratto di cessione di ‘Casa Serena’ alla My Home Srl, ma riafferma un fatto incontrovertibile: “La Rsa produce da anni un importante deficit di bilancio che deve essere affrontato e sanato in modo organico”.

Il deficit, secondo il gruppo della Fos, è dovuto essenzialmente a due fattori: il primo di carattere strutturale (mancanza di investimenti) mentre l'altro (che è recente) è congiunturale (la pandemia).

“Queste due evidenze giustificano le recenti scelte fatte dell'Amministrazione Comunale? Assolutamente no. Noi – prosegue - abbiamo sempre sostenuto che ‘Casa Serena’ (data anche la particolare situazione del momento) non andava alienata e abbiamo prospettato, in più occasioni, una soluzione diversa.  Questo è il momento per dare una risposta adeguata e unitaria che guardi al futuro e non solo al breve periodo. Il Consiglio Comunale discuta e decida quali sono le indicazioni politiche (il più possibile condivise) per la costruzione e poi la realizzazione di un nuovo Progetto per la Residenza Assistita”.

Secondo il gruppo Fos, sostanzialmente si tratta di scegliere tra due percorsi diversi:
- il mantenimento di ‘Casa Serena’ nel perimetro del Comune (gestione diretta, gestione in house o affidamento ad una partecipata);
- l'affidamento (sulla base di un accordo economico condizionato) ad un soggetto privato, che dovrà necessariamente trarne dei profitti.

“Il primo percorso, condivisibile, deve essere comunque accompagnato dai necessari investimenti che sono mancati nel passato. Il secondo lo possiamo condividere solo se rimane un solido legame con il Comune. Rispetto al necessario legame con il Comune, noi continuiamo ad insistere sul ragionamento che stiamo facendo da mesi:
- far transitare, nei modi e nei tempi opportuni, ‘Casa Serena’ sotto il controllo di una istituzione storica e di diritto privato presente in città, la Fondazione ‘Borea-Massa’;
- il legame con il Comune viene assicurato dal fatto che il Cda della ‘Borea-Massa’ è nominato da palazzo Bellevue (tre componenti dal Consiglio Comunale e due da Sindaco)”.

Secondo il gruppo Fos, in questo c’è una forte valenza sociale: il benessere degli ospiti e il rispetto dei diritti dei lavoratori, e solo dopo gli eventuali profitti.

“In questa ottica – termina - lanciamo un appello all'Amministrazione Comunale, ai singoli gruppi consiliari e ai singoli Consiglieri, di confrontarsi e mettere le basi per un nuovo progetto che potrebbe portare alla realizzazione di un polo residenziale assistito (qualitativamente e numericamente rilevante) con importanti legami con il Comune. Se si vuole scrivere una pagina completamente nuova, si affronti con serietà anche il ragionamento da noi avanzato di cui siamo disponibili, qualora ci venisse richiesto, ad illustrare i passaggi fondamentali”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium