/ Cronaca

Cronaca | 22 gennaio 2021, 12:16

Ventimiglia: inaspriti i controlli per i francesi che entrano dalla A10, intanto oggi mercato 'spettrale' (Foto)

Pur con tutti i divieti, sono molti i residenti della Còte che vengono in Italia. Numeri immensamente inferiori ma, le molte targhe ‘06’ sul nostro territorio, hanno fatto drizzare le antenne alle forze dell’ordine.

Ventimiglia: inaspriti i controlli per i francesi che entrano dalla A10, intanto oggi mercato 'spettrale' (Foto)

Si inaspriscono i controlli ai confini tra Italia e Francia. Come anticipato questa mattina dal nostro giornale (QUI), da domenica prossima gli italiani che vogliono andare oltre confine dovranno presentare un certificato relativo a tampone negativo, fatto nelle 72 ore antecedenti ma, la situazione è identica per i francesi già da tempo.

I transalpini che sconfinano nella nostra provincia, non dimentichiamolo, rimangono linfa vitale per il commercio e l’economia in genere. E, pur con tutti i divieti, sono molti i residenti della Còte che spesso si vedono tra Ventimiglia e Sanremo per fare shopping. I numeri sono immensamente inferiori ma, la presenza di molte targhe ‘06’ sul nostro territorio, ha fatto drizzare le antenne alle forze dell’ordine che, da oggi, hanno aumentato le verifiche soprattutto al valico autostradale, dove i francesi avevano capito di poter passare più tranquillamente.

Se, infatti, tra Ponte San Luigi e San Ludovico i controlli sono da tempo molto più attenti, sulla A10 il passaggio era decisamente più agevole. In molti hanno notato che, alla barriera di Ventimiglia, la carreggiata per accedere al nostro paese è più stretta quest’oggi. Ufficialmente lo è per ragioni di sicurezza, ma il passo verso un maggiore controllo del flusso di francesi è sicuramente breve.

Quindi più attenzione ai valichi in entrambe le direzioni, vista la recrudescenza del virus che, in Costa Azzurra colpisce molto di più con dati che preoccupano notevolmente, insieme alla presenza della cosiddetta ‘variante inglese’. Il timore che possa arrivare da noi c’è ed è palpabile e, proprio per questo i controlli saranno decisamente più attenti.

Purtroppo il rovescio della medaglia è, ovviamente, quello di carattere strettamente economico. E oggi, aiutato da una giornata di pioggia e vento, è lampante nelle foto al mercato di Ventimiglia. Pochissimi gli ambulanti che hanno deciso di sfidare meteo e scarsi clienti e, ovviamente, clientela quasi totalmente assente. Un momento difficilissimo per il comparto, che si salva un pochi con i mercati di Sanremo, dove comunque l’assenza dei francesi si fa sempre sentire.

Saranno settimane e mesi ancora difficili, ma serve una decisa accelerata in tema di vaccinazioni, perché altrimenti c’è il serio rischio che molte attività commerciali possano non riaprire più. Ventimiglia ne è un esempio ma, anche oltre frontiera dove i ristoranti non apriranno fino a metà marzo, la situazione non è certo ‘tutta rose e fiori’. A quasi un anno dall’inizio della pandemia la situazione è cambiata ma di poco e il futuro non sembra così roseo.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium