/ Attualità

Attualità | 20 gennaio 2021, 17:31

Sanremo: vertice Comune-Anas dopo la fuga di gas a Capo Verde, subito un intervento da 2 milioni di euro per fermare lo smottamento (Foto)

Entro la primavera palificazioni e tiranti nel terreno tra l’Aurelia e la pista ciclabile. Donzella: “Servono finanziamenti per realizzare la scogliera a protezione”

Il punto in cui lo smottamento ha generato la fuga di gas (foto Stefano Michero)

Il punto in cui lo smottamento ha generato la fuga di gas (foto Stefano Michero)

Vertice questa mattina a Palazzo Bellevue tra Comune e Anas per fare il punto dopo la fuga di gas che ieri pomeriggio ha provocato la chiusura dell’Aurelia in zona Capo Verde. Pare, infatti, che le tubature siano state danneggiate da uno dei molti movimenti franosi in una zona tristemente nota per i continui smottamenti (anche minimi) del terreno che, in alcuni casi più rilevanti, avevano portato anche al crollo parziale del muro di contenimento di via Duca d’Aosta. Una situazione ormai nota, per la quale occorrerebbero investimenti milionari.

Alla riunione di questa mattina hanno preso parte, oltre all’assessore ai Lavori Pubblici, Massimo Donzella, anche la vice presidente del consiglio comunale, Alessandra Pavone, i tecnici dell’Ufficio Viabilità del Comune e i rappresentanti di Anas.

E proprio Anas, responsabile del tratto di strada in questione, ha garantito un intervento immediato per una spesa di circa 2 milioni di euro. I tempi saranno concordati nei prossimi giorni, ma saranno brevi: si parla della prossima primavera. Il progetto prevede una palificazione e dei consolidamenti del terreno nel tratto di fasce che va dall’Aurelia alla pista ciclabile. Il lavoro servirà a contenere il più possibile lo ‘scivolamento’ del terreno dovuto alle falde acquifere sotterranee. I problemi degli smottamenti a Capo Verde persistono ormai da oltre un secolo tanto che nel 1916 su ricorda il crollo dell’Aurelia sulla ferrovia sottostante.

Il Comune aveva fatto un intervento nel 2019 nell’area di propria competenza per rallentare i movimenti con dei tiranti - commenta ai nostri microfoni l’assessore Donzella - ma è indispensabile che ci sia un lavoro condiviso con Anas e Regione Liguria. Serve un finanziamento per la realizzazione di una scogliera che limiti l’erosione dello ‘zoccolo’ della collina. Inoltre occorre anche intervenire a monte con palificazioni e tiranti”.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium