/ Politica

Politica | 19 gennaio 2021, 17:30

Imperia, commerciante accusa: "Io multato per volere di Oneglio", le opposizioni insorgono: "Se fatti accertati l'assessore si dimetta"

Le opposizioni sono quasi compatte nel chiedere chiarimenti sulla vicenda che vede protagonista, suo malgrado, l'assessore al commercio Gianmarco Oneglio accusato dal commerciante Maurizio Sapiolo

Imperia, commerciante accusa: "Io multato per volere di Oneglio", le opposizioni insorgono: "Se fatti accertati l'assessore si dimetta"

 Le opposizioni di Imperia, in maniera quasi compatta, chiedono un chiarimento, e se fosse accertata la richiesta di multare il commerciante Maurizio Sapiolo, si spingerebbero fino a chiedere le dimissioni dell’assessore al commercio Gianmarco Oneglio, finito nella bufera dopo le accuse di Sapiolo, titolare di un negozio di frutta e verdura in piazza Goito, secondo cui, sabato scorso sarebbe stato multato per divieto di sosta su richiesta fatta da Oneglio a un agente della polizia municipale presente. La versione di Sapiolo è stata smentita da Oneglio, che al nostro giornale ha dichiarato di non avere responsabilità sulla multa al commerciante. (QUI)

Oneglio è inoltre accusato di aver parcheggiato a sua volta la propria auto in divieto, la stessa mattina, nei pressi di piazza Goito. In merito l'assessore ha dichiarato che si trovava in un'area di cantiere e che si trovava sul posto per un sopralluogo, durante il quale è avvenuto l'episodio che lo ha visto protagonista insieme a Sapiolo.

I fatti denunciati sono gravissimi, e se le accuse verranno dimostrate, sono inaccettabili. – dichiarano i consiglieri di ‘Imperia al Centro’ Guido Abbo e Edoardo Verda - L’arroganza dell’assessore non ha scusanti e assume tratti ancora più gravi se si pensa che l’assessore Oneglio risulta avere proprio la delega al commercio. In un momento di difficoltà economica straziante per molti esercenti è con questa prepotenza che l’Assessore e la Giunta intendono dare risposte ai commercianti? Chiediamo all’Assessore di chiarire nel dettaglio le accuse ricevute, e se saranno confermate non vediamo altra possibilità se non quella di rassegnare le proprie dimissioni. Crediamo infine che l’Amministrazione stessa non esiterà, se verranno accertate le accuse, a prendere le distanze da tali comportamenti tracotanti e minatori”.

Io sono assolutamente garantista in ragione della posizione che svolgo, - spiega il consigliere di ‘Vince Imperia’ Davide La Monica a Imperia News - Vero è che non abbiamo motivo per non credere alle dichiarazioni di Oneglio o di Sapiolo. Bisogna fare chiarezza, se fosse confermato sarebbe un fatto di una gravità inaudita che giustificherebbe la richiesta dimissioni”.

Sulla stessa linea la consigliera del Movimento 5 Stelle Maria Nella Ponte: “Se i fatti sono quelli descritti, come minimo Oneglio dovrebbe dimettersi e scusarsi con il commerciante, o sarebbe l’amministrazione a doverlo rimuovere dal suo incarico. Ovviamente bisogna accertare i fatti, ma se Oneglio non querela il commerciante, lascia presupporre che un fondamento di verità ci sia”.

Sicuramente chiederemo un chiarimento, - dichiara il capogruppo di ‘Progetto Imperia’ Alessandro Savioli - se quello che si legge è vero la cosa è gravissima, perché nella posizione in cui è Oneglio, certe affermazioni non si possono fare, se fosse vero chiederemmo le dimissioni, ma della vicenda dovrà chiarire in consiglio”.

Mi associo a quello che hanno detto i miei colleghi di opposizione, ma non possiamo chiedere le dimissioni dell’assessore limitandoci a leggere quello che è stato scritto sui giornali, bisogna sentire le due campane. - ha dichiarato il consigliere di Imperia di Tutti Roberto SaluzzoSe la vicenda fosse verificata, ritengo anche io che sarebbe da stigmatizzare. Al momento non ho motivo di credere che il commerciante abbia detto una cosa falsa, così come non ho motivo di non credere alla versione di Oneglio”.

Le dimissioni mi sembrano esagerate, ma un chiarimento in consiglio comunale, anche per tutelare l’istituzione che rappresenta, credo sia necessario”, ha commentato il capogruppo di ‘Forza Imperia’ Antonello Ranise."

"Si tratta di due versioni contrapposte, non rilascio dichiarazioni perché non c'è un'evidenza probatoria, se ci saranno degli sviluppi mi potrò esprimere", ha dichiarato il capogruppo del Pd Fabrizio Risso.

"Se è andata come è stato riportato dagli organi di stampa non è un bell'esempio, di conseguenza se ne trarranno le dovute conclusioni. Bisogna però conoscere la verità che stabilirà alla fine l'ordine", ha dichiarato infine la consigliera della Lega Monica Gatti.

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium