/ Attualità

Attualità | 25 novembre 2020, 08:24

Il Sanremo Rugby ricorda alcune delle prime bambine, donne e ragazze che hanno lottato per raggiungere la loro meta

Nella giornata contro la violenza sulle donne la società manda un messaggio accostando le foto e i ritratti delle prime giocatrici alle rugbiste di oggi, come messaggio ad andare avanti, a non fermarsi mai di fronte ai 'no' e di lottare sempre per i propri sogni.

Il Sanremo Rugby ricorda alcune delle prime bambine, donne e ragazze che hanno lottato per raggiungere la loro meta

Il rugby come lo intendiamo oggi, nasce ufficialmente nel 1823. Dovranno passare 64 anni prima che una donna potesse scrivere sul suo diario: “Finalmente, è arrivata la mia occasione, mi hanno passato la palla: sento ancora il profumo dei cuoio bagnato e il rilievo del laccio della cucitura sotto le dita. Ho corso più veloce quando ho visto quel ragazzo venire contro di me, l’ho schivato, il cuore batteva forte, le ginocchia quasi non mi reggevano, un ultimo scatto e ho schiacciato la palla a terra, oltre la linea, nel prato fangoso. Avevo segnato la mia meta”.

Emily Valentine, a 10 anni, fu la prima ragazza a poter giocare una partita di rugby e il suo diario, ritrovato di recente da una discendente, è custodito nel World Rugby Museum di Twickenham. Emily sfidò per prima le regole sportive e della società dell'epoca in una partita a Enniskillen, nella Portora Royal, la scuola dove studiarono anche Oscar Wilde e Samuel Beckett.
Un gesto rivoluzionario dettato da forza, coraggio e passione che hanno dovuto però attendere altri 100 anni  affinché, la Federazione Irlandese riconoscesse il rugby femminile che nacque ufficialmente nel 1990.

Quello di Emily è il primo caso documentato ma nella storia del rugby e soprattutto nella storia dell'affermazione femminile, sono centinaia, migliaia, milioni le donne che hanno giocato le loro partite, qualunque fossero, in incognito, a porte chiuse e senza trovare alcun ascolto.

Oggi, giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il Sanremo Rugby vuole ricordare alcune delle prime bambine, donne e ragazze che hanno lottato per raggiungere la loro meta: lo fa accostando le foto ed i ritratti delle prime giocatrici alle rugbiste di oggi, come messaggio ad andare avanti, a non fermarsi mai di fronte ai 'no' e di lottare sempre per i propri sogni.

Il rugby è unione, è condivisione e non ha pregiudizi: queste sono le ragazze di oggi, che un domani diventeranno donne consapevoli, non solo perché hanno scelto uno sport, ma per la possibilità di aver potuto scegliere.

Forza Sanremo Rugby

Cs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium