/ Attualità

Attualità | 31 marzo 2020, 12:12

Emergenza Coronavirus: da due negozi di Bussana è nata l'idea della 'Spesa in sospeso'. "I bussanelli rispondono sempre con il loro grande cuore"

"Sono già tantissime le persone che mi hanno contattata. - spiega la negoziante - La gente è molto contenta e i bussanelli hanno un grande cuore e rispondono sempre con il cuore a queste iniziative verso chi ha bisogno".

Emergenza Coronavirus: da due negozi di Bussana è nata l'idea della 'Spesa in sospeso'. "I bussanelli rispondono sempre con il loro grande cuore"

Anche in provincia di Imperia si inizia a parlare della ‘Spesa in sospeso’. I primi a lanciare l’idea nella riviera dei fiori sarebbero due negozi di Bussana di Sanremo: la panetteria e pasticceria Al Santuario di Laura Corica e suo figlio e l’alimentari Da.Ni di Daniela Catania.

In che cosa consiste questa iniziativa? Le persone entrano nei negozi aderenti e comprano dei generi alimentari di prima necessità da destinare a chi si trova in difficoltà economica. I beni acquistati possono rimanere all'interno dell'esercizio commerciale, quindi a disposizione di chi potrebbe averne bisogno oppure portati direttamente alla persona senza che questa debba recarsi nel negozio. Come suggerisce il nome, la 'spesa in sospeso' nasce tra le vie di Napoli, prendendo ispirazione dalla ben più nota pratica locale del 'caffè in sospeso', ovvero il caffè lasciato pagato al bancone del bar. 

All’inizio dell’emergenza Coronavirus, la comunità di Bussana è stata sconvolta dai primi decessi. Un ricordo che è ancora vivo e parlando con una delle due promotrici della 'Spesa in sospeso', Laura Corica, ci ha raccontato come il grande cuore dei bussanelli oggi stia giocando un ruolo fondamentale nella buona riuscita di questa iniziativa per aiutare il prossimo.

“Nel mio negozio facciamo la ‘spesa in sospeso’. - ci ha raccontato Laura Corica - Chi viene può comprare una cosina da mettere in questi cesti e poi lo doniamo a chi ne ha bisogno. Io personalmente ho già distribuito qualcosa a chi so averne necessità ma ho ancora parecchi generi alimentari già pagati da distribuire".

"Sono già tantissime le persone che mi hanno contattata. - spiega la negoziante - La gente è molto contenta e i bussanelli hanno un grande cuore e rispondono sempre con il cuore a queste iniziative verso chi ha bisogno. Siamo molto dispiaciuti che Bussana ultimamente venga collegata a cose solo negative ma noi siamo anche queste iniziative positive".

"Quindi se siete in difficoltà o sapete di qualcuno che è in difficoltà vi invito a passare da me o dall’alimentari Da.Ni di Daniela Catania a prendere generi di prima necessità già pagati. Potete prenderli per voi o per distribuirli naturalmente rispettando tutte le norme. Tutti insieme ce la faremo, forza Bussana, forza Sanremo” - conclude Laura Corica.

Stefano Michero

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium