/ Attualità

Attualità | 04 agosto 2019, 07:11

Si è fermato ieri ad Airole il calabrese 34enne che sta facendo un viaggio da 20mila km in Vespa (Foto)

Andrea Fucile è partito dalla sua Calabria per raggiungere Capo Nord e poi tornare indietro, toccando moltissimi paese. E' sempre stato ospitato ed oggi andrà verso Albenga. Il viaggio diventerà un libro.

Andrea Fucile ieri ad Airole

Andrea Fucile ieri ad Airole

Ha toccato anche il piccolo centro di Airole, nell’entroterra di Ventimiglia, il ‘mega giro’ in Vespa per il 34enne calabrese della provincia di Cosenza, Andrea Fucile.

L’uomo, giornalista e scrittore, è partito il 10 maggio da Calo Pezzati, paese dove vive in Calabria. Ieri è arrivato ad Airole in quello che è stato l’85° giorno di viaggio che, inizialmente lo ha visto raggiungere la Puglia e, quindi, in nave l’Albania. Poi ha attraversato: Bulgaria, Romani, Ungheria, Polonia, Finlandia e Norvegia dove ha toccato Capo Nord. E’ quindi iniziata la ‘discesa’ dove ha attraversato: Svezia, Danimarca, Germania, Benelux, Francia, Spagna, Portofallo, Francia, per arrivare ieri in Italia, dove si è fermato, ospite del Vespa Club di Airole.

Cosa ha spinto Andrea Fucile a questo viaggio: “Sono uno scrittore e mi piacciono sempre nuove cose, poi la cultura scandinava e la volontà di andare al circolo polare artico, ma anche dimostrare che c’è bella gente ovunque”. 20mila chilometri percorsi su una Vespa 50 Pk, tutti su strada statale, per circa 95 di viaggio, durante i quali il budget è di 1.600 euro, quasi tutto in benzina e per mangiare, visto che Andrea ha sempre dormito ospite di persone che ha conosciuto man mano durante il percorso: “Sono sempre stato ospitato ed ho dormito 5 volte in tenda. Nei primi giorni ho utilizzato un sito di ospitalità gratuita a livello internazionale ma, nell’ultimo mese sono stati in molti a scrivermi per ospitarmi, in particolare appassionati di Vespa”. Andrea ha anche avuto qualche sponsor che lo ha aiutato.

Come è andata con la moto: “Non ho mai avuto grossi problemi, se non un pochino in Spagna dove ho trovato 41 gradi. Un po’ di freddo al Polo Nord, dove c’era un grado sopra zero, ma ero coperto bene”. E’ per mangiare? “A volte mi hanno ospitato, altre mi sono adatto ed altre ancora ho preparato io specialità calabresi”.

Ad Airole Andrea si è fermato perché era stato contattato il Vespa Club del paese: “Oggi aveva organizzato un raduno e mi sono fermato con grande piacere”. Domani partirà per Albenga dove si fermerà per 2 giorni e, quindi, ripartirà verso la Calabria dove dovrebbe arrivare in una settimana. Andrea preparerà un libro su questo viaggio e che verrà presentato in tutta Europa.

Il futuro? “Dopo aver scritto il libro ed averlo presentato valuterò a livello lavorativo alcune proposte che mi sono state fatte, ma fino a giugno del 2020 sarò impegnato con la presentazione del libro. Non escludo altri viaggi di questo genere e mi piacerebbe farne uno in medio oriente anche se so essere difficile muoversi in quelle zone, per superare i confini. Vedremo”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium