/ Attualità

Attualità | 17 giugno 2018, 07:31

Vallecrosia: un ristorante di padre in figlio, a distanza di 40 anni si rinnova la tradizione “Ci dicevano che non potevamo farcela perché eravamo troppo giovani”

Anche il neo Sindaco Armando Biasi alla riapertura del noto locale sul lungomare

Barbara e Sergio (fotogallery Eugenio Conte)

Barbara e Sergio (fotogallery Eugenio Conte)

Anche il Sindaco di Vallecrosia Armando Biasi al post restyling del ristorante “Dei pescatori” sul lungomare di Vallecrosia, esempio di coraggiosa imprenditoria locale da parte dei due attuali titolari, che lo rilevarono dal padre poco più che ragazzi. Un forte esempio e un incentivo per i giovani.

All’inizio non fu facile – ci racconta Sergio – con mia madre e mia sorella Barbara ci trovammo ad affrontare la lunga malattia di mio padre e nello stesso tempo a dover mandare avanti il suo ristorante, in giovane età. Ricordo che non avevo ancora la patente, e dovevo andare a piedi a far la spesa, le forniture, a comprare il pesce al porto di Bordighera, dove un giorno sentii una conversazione che ancora ricordo, perché mi ferì profondamente: “Sono troppo giovani, non ce la faranno””.

Invece eccoli qui. Una grande soddisfazione per Barbara e Sergio, a distanza di oltre 40 anni, da quel lontano 1970 in cui lo chef Antonio aprì lo storico ristorante.
Oltre all’obbligo morale che mi legava a mio padre, alla necessità di assicurare un sostentamento alla nostra famiglia, con mia mamma Stella, il vero factotum in cucina – ci raccontano – sentivamo ora che ci attendeva anche una grande sfida. Non pretendiamo di eguagliare la bravura e la capacità uniche di nostro padre Antonio. Veniva da esperienze internazionali, era stato anche cuoco a bordo della linea ferroviaria Londra- St. Moritz, una personalità che molti affezionati clienti ancora ricordano, ma siamo felici di poter dire che siamo riusciti a continuare la sua tradizione. Curiamo ancora il servizio al tavolo, un tipo di approccio che è sempre più difficile trovare nelle attuali tendenze culinarie, che privilegiano l’aspetto più “decorativo” del piatto”.  

Noi non abbiamo mai chiesto nulla – concludono – speriamo soltanto che l’attuale amministrazione possa portare avanti la nostra speranza di una vocazione turistica per il futuro della città”. L’apericena inaugurale ha visto la partecipazione di oltre un centinaio di persone tra le quali il Sindaco e alcuni neo-eletti dell’attuale Amministrazione Comunale.

(Le foto sono di Eugenio Conte)

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium