/ Politica

Politica | 26 agosto 2019, 11:42

Bordighera: 'caso Bozzarelli', il PD annuncia "Abbiamo segnalato l'accaduto alla Guardia di Finanza e chiesto alla Segreteria Nazionale che si proceda per vie legali"

L'hanno annunciato le segreterie del PD provinciale e di Bordighera, in merito alle polemiche dei giorni scorsi sulle dichiarazioni via Facebook di Mauro Bozzarelli, vicesindaco della città delle palme.

Bordighera: 'caso Bozzarelli', il PD annuncia "Abbiamo segnalato l'accaduto alla Guardia di Finanza e chiesto alla Segreteria Nazionale che si proceda per vie legali"

"Abbiamo segnalato ai comandi locali della Guardia di Finanza e alla Procura della Repubblica quanto accaduto, auspicando che prendano provvedimenti disciplinari verso chi, con le sue parole, rischia di mettere in cattiva luce anche i suoi colleghi e tutti i servitori dello Stato. Abbiamo inviato una segnalazione anche a Roma, alla segreteria nazionale del Partito Democratico, per fare in modo che si possa adire alle più opportune vie legali nei confronti del vicesindaco Bozzarelli". 

L'hanno annunciato le segreterie del PD provinciale e di Bordighera, in merito alle polemiche dei giorni scorsi sulle dichiarazioni via Facebook di Mauro Bozzarelli, vicesindaco della città delle palme (LEGGI LA NOTIZIA QUI). 

"È di mercoledì scorso la notizia che il vicesindaco di Bordighera, con un post su Facebook, abbia definito il Partito Democratico, la sua comunità e i suoi militanti “mercanti di bambini”, accusando, inoltre, il Presidente Mattarella di non svolgere correttamente il suo ruolo di garante della Costituzione favorendo il ritorno dei democratici al governo. È inaccettabile" - commentano dal Partito Democratico - Il circolo locale di Bordighera e la federazione provinciale di Imperia non staranno con le mani in mano mentre un uomo delle istituzioni, oltretutto membro delle forze armate, offende il nostro partito e diffama la Presidenza della Repubblica".

Poi in merito alle segnalazioni inviate aggiungono: "Abbiamo concordato ciò perché la sua non è un’offesa solo ai militanti di Bordighera e della provincia di Imperia, ma ai militanti e al PD di tutta Italia. - rimarcano - Ci riserviamo di intraprendere iniziative legali anche contro chi, commentando la notizia sui social network si è lasciato andare a commenti vergognosi e ancora più gravi chiamandoci “ladri, corrotti, mafiosi ed evasori fiscali”.

"Non lo facciamo per risarcimenti o ripicche personali, lo facciamo perché non è accettabile che sui social si possa scrivere di tutto, fomentare l’odio contro partiti e istituzioni e diffondere fake news. - concludono - A prescindere dai provvedimenti che verranno presi dagli organi competenti in sede legale, ribadiamo la nostra richiesta di dimissioni del vicesindaco Bozzarelli, per le sue esternazioni che oltre a essere secondo noi false e diffamatorie sono sicuramente inaccettabili per chi ricopre incarichi pubblici. Vogliamo citare l’art. 54 della nostra Costituzione: “...I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore...”; ci chiediamo dove sia l’onore nell’insultare avversari politici e istituzioni come la Presidenza della Repubblica". 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium