/ Attualità

Attualità | 22 maggio 2019, 19:41

Ventimiglia: presentato alla città ed ai commercianti il bando da 4 milioni per la Zona Franca Urbana (Foto e Video)

Il bando si inserisce all'interno dell'azione ‘3.2.1’ del Por Fesr Liguria 2014-2020. Possono presentare domanda di agevolazione le micro, piccole e medie imprese in forma singola o associata che esercitano un'attività economica nella Zona Franca Urbana di Ventimiglia.

Ventimiglia: presentato alla città ed ai commercianti il bando da 4 milioni per la Zona Franca Urbana (Foto e Video)

L'Assessore regionale allo Sviluppo Economico, Andrea Benveduti, ha illustrato oggi al Forte dell’Annunziata di Ventimiglia, il bando da 4 milioni di euro dedicato alla Zona Franca Urbana, recentemente approvato dalla Giunta.

Il bando stato approvato a supporto del rilancio industriale e della riqualificazione del sistema produttivo della Zona Franca Urbana di Ventimiglia. “C’è la necessità di sostenere il nostro tessuto delle aziende – ha detto l’Assessore Benveduti - in una struttura economica come quella della Liguria, che ha subito il calo della domanda generale con l’invecchiamento della popolazione ed una generale crisi occupazionale. Da qui siamo partiti per dare la possibilità alle aziende, intanto di migliorare quello che c’è. Inoltre ci auguriamo di attirare una quantità di domanda che c’è, con la Costa Azzurra vicina e centri importanti. Teoricamente riusciamo ad attirare una domanda che, nella zona centrale della Liguria è impossibile”. Quale tipo di risposte darete ai commercianti: “Vedremo quali domande ci faranno e stasera, con i tecnici, andremo nel dettaglio cercando di dare le risposte più opportune”.

Il bando si inserisce all'interno dell'azione ‘3.2.1’ del Por Fesr Liguria 2014-2020. Possono presentare domanda di agevolazione le micro, piccole e medie imprese in forma singola o associata che esercitano un'attività economica nella Zona Franca Urbana di Ventimiglia. Gli investimenti ammessi ad agevolazione devono riguardare opere edili e impiantistiche, acquisizione di impianti produttivi e beni mobili, programmi informatici o consulenze. L'agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura del 50% dell'investimento, con un limite massimo concedibile di 50 mila euro. Il bando ha una retroattività al 1 luglio 2018, con riferimento a interventi avviati a partire da tale data e non ancora conclusi.

Le domande di ammissione ad agevolazione devono essere redatte esclusivamente online al sistema "Bandi on line" dal sito internet www.filse.it, dal 15 al 30 luglio prossimi. La procedura sarà disponibile in modalità off-line a partire dal 18 giugno.

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium