/ Sanremo Ospedaletti

Sanremo Ospedaletti | 23 aprile 2017, 07:19

Da Sanremo a Milano per la fotografia, Federica Santeusanio si racconta: "Dedico un libro alla mia città"

“Sanremo è la città da cui tutto è partito. Oggi ho capito cosa mi ha dato e ho deciso di dedicarle un libro”.

Federica Santeusanio

Federica Santeusanio

Sanremo è la città da cui tutto è partito. Oggi ho capito cosa mi ha dato e ho deciso di dedicarle un libro”. La storia di Federica Santeusanio inizia dalla consapevolezza di essere nata in un posto speciale.

La giovane professionista sanremese è un'affermata fotografa. Vive e lavora a Milano per grandi marchi della moda e non solo. Un vero talento creativo che a soli 29 anni vanta collaborazioni internazionali e una menzione nel settore moda al prestigioso Monochrome Awards 2014.

Una carriera guadagnata con determinazione e passione che punta al futuro senza dimenticare le origini. L'artista sanremese, sta infatti lavorando ad un progetto dedicato alla città dei fiori. Un omaggio alle radici, un modo per dire grazie ad una città che ha dato luce e formato la sua sensibilità artistica.

“Mi sto dedicando a questo libro, alla sua parte romantica legata alla passione e all'idea – spiega la fotografa – Ad ottobre scorso ho capito che questa cosa la sentivo e desideravo farla. Ho coinvolto le persone a me più care, ci saranno i miei punti di vista ma sarà un libro oggettivo per la promozione di questa città, un'opera destinata al sanremese ma anche al turista che arriva e si vuole portare a casa un ricordo. Una pubblicazione esteticamente importante da mettere nel salotto di casa”.

Quale Sanremo verrà raccontata?: “Immagino un libro che parli della città a 360 gradi e in modo riconoscibile, mostrando qualcosa di più: dal nostro mare, alla storia, alle ville meravigliose, ai tesori nascosti che rischiamo di dimenticare”.

Un tributo 'dovuto' alle origini che hanno costruito la sua identità. Federica ha infatti iniziato a muovere i primi passi da fotografa fin da bambina, apprendendo successivamente i segreti del mestiere durante gli anni di Liceo Cassini attraverso il Fotoclub e i consigli del noto fotografo sanremese Duilio Rizzo.

Ho sempre avuto una macchina fotografica tra le mani fin da quando con mio papà andavamo in montagna. - conferma l'artista - A 15 anni ho partecipato al primo concorso nazionale vincendo un premio under 30 con una foto che avevo fatto a Berlino in gita scolastica. Da quel momento la passione è diventata una cosa più seria. Verso la fine del liceo ho fatto una mostra a Bordighera. Era un reportage tra Milano e Dublino, uno street style di ritratti. La mostra è piaciuta e, con la vendita di alcune copie delle opere, mi sono comprata la prima macchina professionale”.

Poi la scelta coraggiosa di scommettere sulla passione, cambiare città e darsi un anno di tempo. Fortuna e determinazione le hanno dato una possibilità, iniziando la gavetta da assistente per un importante professionista. “Ho scelto di imparare subito sul campo - spiega Federica - ho iniziato a fare uno stage da assistente con Carlo Bevilacqua. Con lui ho avuto la possibilità fin da subito di lavorare con grandi marchi di moda. Non è servito un anno per capire che quella era la mia strada. Milano è ormai il mio mattoncino, la mia casa, ma Sanremo è il posto in cui sono nata, grazie al quale ho scelto il mio futuro”.

Il posto sanremese che Federica ha nel cuore? “Il tramonto da Bussana Vecchia – confida - quando ero piccola e andavo nella campagna di papà, salivo lassù e ammiravo quel momento, lo fotograferei sempre ma solo con gli occhi”. “Quale consiglio posso dare ai giovani? Beh lanciarsi e scommettere su se stessi senza guardare cosa si lascia – conclude la fotografa – bisogna chiudere gli occhi e saltare. Ma devi sentirla veramente la passione, altrimenti è solo una perdita di tempo”.

Silvia Iuliano

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium