/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 21 aprile 2016, 17:28

Perinaldo: campane mute per alcuni giorni, la protesta del parroco nei confronti dell’Amministrazione

Il fatto singolare nel frattempo però ha avuto delle ripercussioni nel vicino Comune di San Biagio dove la rottura dell’orologio della Chiesa ha scatenato un tam tam di voci di paese.

A Perinaldo hanno ripreso a suonare le campane della chiesa dopo che per diversi giorni erano rimaste in silenzio. Una forma di protesta attuata dal parroco nei confronti dell’Amministrazione, che a detta del religioso, è in debito di qualche migliaio di euro relativamente ai costi di riparazione dell’orologio del campanile ma il Sindaco smentisce e non intende assolutamente pagare. Una situazione che farà certamente sorridere chi non ha potuto fare a meno di accostarla alle vicissitudini di Peppone e Don Camillo radicate ormai nell’immaginario collettivo.

In questo caso invece le ragioni delle parti sono state espresse in maniera molto seria. Il parroco della vallata, fattura alla mano, ha preteso da parte dell’Amministrazione perinaldese il versamento del denaro per coprire una parte dei costi di pulizia del campanile e della riparazione dell’orologio asserendo che quest’ultimo appartiene al Comune. “Non esiste alcun titolo di proprietà – ha replicato invece il Sindaco Francesco GuglielmiE’ vero che quattro anni fa per ragioni analoghe avevamo versato un contributo ma per nostra volontà e senza alcun vincolo di sorta. Purtroppo in questa occasione le nostre casse non ci consentono di poter co-partecipare alla spesa”.

Anche se la questione non ha ancora trovato una soluzione definitiva le campane, con il sollievo dei residenti, hanno ripreso a suonare. Il fatto singolare nel frattempo però ha avuto delle ripercussioni nel vicino Comune di San Biagio dove la rottura dell’orologio della Chiesa, in cui svolge le funzioni il medesimo parroco, ha scatenato un tam tam di voci di paese. Ma il Sindaco Luciano Biancheri ha tranquillizzato i suoi concittadini: “Le campane non smetteranno di suonare. E’ stata sostituita la scheda elettronica dell’orologio, un pezzo di ricambio dal costo non irrisorio che si aggira intorno ai 4 mila euro. E per questo abbiamo già stanziato a bilancio il contributo di 2mila 500 euro che rappresentano il 60% del costo totale”.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore