/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 29 ottobre 2015, 14:59

Bordighera: il collettivo per la salvaguardia delle palme lancia un appello al ministro delle politiche agricole

Continua la lotta al punteruolo rosso, il parassita delle palme.

Il collettivo mediterraneo per la salvaguardia delle palme, nato quest’anno, è una rete transfrontaliera di associazioni e persone determinate a battersi per la salvaguardia del patrimonio vegetale. La lotta di questi mesi si è concentrata in particolar modo nella difesa delle palme dagli attacchi del punteruolo rosso.

Questo insetto è un parassita proveniente dall’Asia che sta devastando il patrimonio storico delle piante monumentali nei paesi del Mediterraneo, in particolare Bordighera, secondo palmeto storico in Europa, dove si assiste ad una caduta dopo l’altra. Pericolosi sono anche recenti episodi riportati dalla cronaca (24 giugno, 4 ottobre).

Il collettivo in una petizione lanciata in questi giorni, proponendo il metodo di ‘iniezione’, una soluzione ritenuta efficace, a basso costo, già applicata e utilizzata in Francia dall’anno scorso, si è rivolto direttamente al Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina:

“Signor Ministro, la regolamentazione europea le dà il potere di autorizzare questa soluzione in Italia con estrema urgenza, per mettere così concretamente in atto la LOTTA OBBLIGATORIA e per contrastare, tramite una strategia collettiva, la distruzione del patrimonio storico delle palme.
Noi chiediamo che tale trattamento sia autorizzato urgentemente in Italia, sia reso disponibile a tutti i professionisti qualificati conformemente alla regolamentazione europea per la lotta obbligatoria agli organismi nocivi, e sia messo in atto in un quadro strategico collettivo sotto la supervisione degli organismi del servizio pubblico in materia fitosanitaria, nazionali e regionali”.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore