/ 

| 18 marzo 2015, 19:01

Sanremo: nuovo impianto di telefonia mobile a San Lorenzo, interrogazione di Baggioli al Sindaco

Nel documento il consigliere di Forza Italia esprime le proprie preoccupazioni n merito.

Sanremo: nuovo impianto di telefonia mobile a San Lorenzo, interrogazione di Baggioli al Sindaco

Il consigliere comunale di Forza Italia, Simone Baggioli, ha inviato una interrogazione al Sindaco ed alla Giunta per l’ennesima installazione di un impianto di telefonia mobile che deturpa ed inquina una zona pregevole del territorio comunale.

"Pur consapevole dell’importanza delle telecomunicazioni nell’attuale società ritengo - evidenzia Baggioli - che il Comune debba adottare un criterio di valutazione che impedisca la completa deregulation del sistema di radio telecomunicazione. In particolare per l’impianto in corso di realizzazione in Strada Carrozzabile San Lorenzo in prossimità della scuola elementare. Ricordo che il Comune di Sanremo si è dotato di un criterio di disciplina del sistema di radio telecomunicazioni adottando l’articolo 39 ter del PRG"

Baggioli, nell’ambito delle autorizzazioni rilasciate, chiede se siano state rispettate le procedure previste dalla Legge Regionale 41/99 che disciplina come il comune debba verificare l’installazione ed in particolare se la verifica del campo elettrico rispetti in tutti gli edifici e relative pertinenze, quindi compresi terrazzi e giardini, i valori massimi di legge. Nel caso specifico quanto sopra è particolarmente aggravato dal fatto che si è in prossimità dell’edificio scolastico di San Lorenzo. Il Consigliere chiede se è stato presentato da parte del soggetto installatore il programma annuale delle installazioni

fisse da realizzare comprensivo delle localizzazioni degli apparati e dalla documentazione tecnica per la valutazione dei campi elettromagnetici. Seil Piano sia stato debitamente reso di pubblico dominio come previsto dalla norma e sia stato acquisito il preventivo parere dell’ARPAL (su detto Piano). Se sia stato fissato il termine per la presentazione delle Osservazioni da parte della Cittadinanza non essendo più esistenti le Circoscrizioni. Se sono state eseguite e con quale esito le indicazioni Normative al fine di ridurre l’impatto ambientale e di favorire la razionale distribuzione degli impianti visto che la struttura in esecuzione è posizionata a non più di 20 metri da altro impianto esistente e ulteriore aggravio dovuto al fatto che l’impianto è posizionato su un crinale e quindi particolarmente visibile e tale da danneggiare irrimediabilmente i coni di visuale panoramica. Se sono state adottate le idonee iniziative di coordinamento da parte del Comune per utilizzare la medesima struttura impiantistica e per quale motivo non si è riusciti ad integrare gli impianti in unica struttura. Se è stato  tenuto conto che il nuovo impianto non poteva essere autorizzato in assenza dell’adempimento della fornitura all’Amministrazione Comunale della mappa completa degli impianti fissi corredata dalla documentazione prevista dalla Legge Regionale in materia.

"Sono preoccupato - termina Baggioli - perché l’impianto in oggetto insiste apparentemente a distanza inferiore da quella prevista dalla Norma di PRG dagli edifici esistenti, dalle loro pertinenze (terrazzi e giardini) ed in particolare da un pubblico edificio particolarmente sensibile quale è il plesso scolastico di San Lorenzo che come tutti sanno è frequentato quotidianamente da decine e decine dei nostri figli. Chiedo inoltre che se nel corso della verifica di quanto sopra si accertino inadempienze ovvero carenze istruttorie il provvedimento di Autorizzazione venga immediatamente revocato".

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium