ELEZIONI COMUNE DI SANREMO
 / Attualità

Attualità | 04 marzo 2024, 12:36

Imperia, i dati sull'andamento del mercato immobiliare in provincia: calo compravendite e aumento degli affitti brevi (video)

"Non si trovano più affitti a lungo periodo, molti stanno mettendo a reddito i propri appartamenti come case vacanze", dice Maurizio Agnesi responsabile di Monitora e delegato regionale Fiaip

Imperia, i dati sull'andamento del mercato immobiliare in provincia: calo compravendite e aumento degli affitti brevi (video)

Presentati, questa mattina, i dati di Fiaip Monitora riguardanti l’andamento del mercato immobiliare in provincia di Imperia.

LE INTERVISTE

A emergere è un calo del numero di compravendite: “C’è richiesta soprattutto per le case da investimento, quelle destinate agli affitti brevi – spiega Davide Perrera, presidente provinciale Fiaip Imperia - La clientela, per l’acquisto di seconde case, è soprattutto italiana, del nord ovest, principalmente piemontesi e lombardi. È comunque cresciuta anche la richiesta da parte degli stranieri, in particolare del nord Europa, svedesi e norvegesi, ma anche francesi”.

Questo calo delle compravendite – aggiunge Maurizio Agnesi, responsabile di Monitora e delegato regionale Fiaip – segue un aumento che si è registrato nel 2022 a seguito dello stop legato alla pandemia. Tra le cause si ha sicuramente l’aumento dei tassi dei mutui: erogando meno mutui c’è stata quindi meno domanda”.

Tra i dati emerge quello riguardante gli affitti per uso residenziale, prosegue Agnesi: “Non si trovano, a livello provinciale, affitti a lungo periodo per uso residenziale, molti stanno mettendo a reddito i propri appartamenti come case vacanze, come affitti a breve periodo. Si dovrebbe incentivare, a livello governativo, l’impegno a uso residenziale strutture ed edifici, come caserme, per limitare questo grave problema sociale”.

La crescita del numero delle compravendite finalizzate ad alloggi da mettere a reddito ovvero affitti brevi e locazioni turistiche è sicuramente connessa all’emergenza abitativa: "C’è una crescente sfiducia nel concludere contratti 4+4 e 3+2, legata alla politica di gestione degli sfratti che dovrebbe essere riformata: è difficile per i proprietari di case ottenere lo sfratto di un inquilino -conclude Paolo Prato presidente provinciale e regionale Confedilizia - Sicuramente la soluzione non è combattere gli affitti brevi, ma incentivare gli affitti lunghi con una detassazione.

Sarebbe utile per risolvere questa crisi abitativa anche creare un tavolo tra i comuni e le associazioni di rappresentanza territoriale per lavorare in sinergia”.

Sara Balestra

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium