/ Cronaca

Cronaca | 30 novembre 2022, 14:20

Sanremo, non riceve l'affitto e tenta di uccidere due albanesi: condannato dal gup Marino Tripodi

Al 79enne, difeso dall'avvocato Stefania Lombardi, inflitti 3 anni e 6 mesi di carcere: il giudice ha escluso l'aggravante dei futili motivi . Le vittime estranee al contratto di locazione stipulato dal proprietario dell'immobile

Sanremo, non riceve l'affitto e tenta di uccidere due albanesi: condannato dal gup Marino Tripodi

Si chiude con la condanna a 3 anni e 6 mesi di carcere il processo, svoltosi in abbreviato, a carico di Marino Tripodi, il 79enne accusato di aver tentato di uccidere due fratelli albanesi nel gennaio del 2017.L’imputato, difeso dall’avvocato Stefania Lombardi, è stato condannato dal gup di Imperia Anna Bonsignorio che, però ha escluso l'aggravante dei futili motivi. 

I fatti sono avvenuti a Sanremo in zona Solaro. L’imputato, oltre a rispondere del reato di tentato omicidio premeditato era accusato anche di possesso illegale di una pistola Beretta con matricola abrasa e ricettazione in quanto l’arma è risultata poi essere stata rubata negli anni Ottanta. Nei suoi confronti il pm Lorenzo Fornace aveva invocato la condanna a 3 anni e 10 medi di reclusione. 

L’imputato era il proprietario dell’appartamento e da mesi, sosteneva di non ricevere il pagamento dell’affitto. "Vecchio di merda, ti facciamo a pezzi e ti buttiamo nel bidone della spazzatura": sarebbero stati questi gli insulti e le minacce che avrebbe scatenato la furia di Tripodi. L’anziano infatti, ha esploso sei colpi di pistola contro due fratelli albanesi, difesi dai legali Luca Ritzu e Ramadan Thairi. Una delle due vittime, che venne ferita alla spalla con 20 giorni di prognosi, dichiarò al nostro giornale di non essere “l’affittuario di quell’appartamento e non conosco nemmeno Marino Tripodi. Mi trovavo per caso in quella zona e non capisco il motivo per cui mi ha sparato”. Stando alle risultanze investigative i due ragazzi erano estranei al contratto di locazione che invece, sarebbe stato stipulato con la fidanzata di uno dei due. 

"Andatevene, non voglio neanche i soldi” avrebbe dichiarato invece Tripodi ai due fratelli incontrati nel cortile di casa. In quel momento, secondo l'anziano, i due lo avrebbero insultato e minacciato. A quel punto, Tripodi ha sparato. "Non ce la facevo più, scusatemi, ho perso la testa", dichiaró ai carabinieri quando si è costituito.

Il padrone di casa, secondo le testimonianze raccolte dai militari, si sarebbe recato dall' inquilina dell'appartamento sottostante per chiedere i soldi della locazione, ma è nato poi un litigio sfociato in sparatoria con i due fratelli. I colpi sono stati esplosi prima dentro lo stabile e poi fuori. I proiettili oltre a ferire il giovane albanese hanno danneggiato anche una vettura posteggiata lì vicino ed alcuni bidoni della spazzatura. Molte le persone che hanno sentito gli spari e dopo breve è stato richiesto l'intervento dei soccorsi per l'uomo ferito. Nel frattempo, l'anziano si era allontanato dal luogo dell'accaduto. Non c'è voluto molto prima che i Carabinieri lo ritrovassero. La pistola invece era stata gettata via dentro un'aiuola non troppo distante da strada San Lorenzo.

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium