/ Cronaca

Cronaca | 22 giugno 2022, 09:56

Regione: stato di grave pericolosità per gli incendi, Toti sull'acqua "Serve attenzione ma situazione non drammatica"

“E' chiaro che i settori soffrono in modo differente - sottolinea – ma non credo vi sarà un problema di acqua potabile".

Regione: stato di grave pericolosità per gli incendi, Toti sull'acqua "Serve attenzione ma situazione non drammatica"

Da venerdì prossimo, con circa un mese di anticipo rispetto all’anno scorso, scatta in tutta la Liguria lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi su tutto il territorio.

“La decisione – spiega l’assessore regionale Giampedrone - è stata presa viste le attuali condizioni climatiche registrate in questo ultimo periodo che, in sostanziale assenza di precipitazioni, hanno determinato la secchezza del terreno e una più elevata probabilità di innesco e propagazione di incendi. Il provvedimento si è reso necessario per salvaguardare l’incolumità pubblica anche nelle zone interne a seguito del periodo delle ferie estive che vedono aumentare la presenza di turisti su tutto il territorio”.

Lo stato di grave pericolosità prevede il divieto di accendere qualsiasi tipo di fuoco, sia pirotecnici, sia per l’abbruciamento di materiale vegetale e anche il divieto di mettere in funzione apparecchi elettrici. La Regione Liguria comunicherà la cessazione dello stato di grave pericolosità non appena le condizioni meteo lo consentiranno cioè con l’aumento dell’umidità della vegetazione. In caso di incendio boschivo occorre attivare subito il sistema regionale di intervento chiamando il numero unico di emergenza 112.

Per quanto riguarda l’acqua, il Presidente della Regione Giovanni Toti ha confermato che “In base ai rapporti di Iren che è il nostro principale gestore di acqua potabile, così come dai rapporti delle altre strutture regionali, la Liguria ha negli invasi idrici una percentuale d'acqua che va dal 20 al 30 per cento in meno rispetto agli anni migliori. Certamente serve grande attenzione, ma al momento la situazione non è drammatica”.

Lo ha detto nel corso di una intervista alla radio nazionale Radio24. “E' chiaro che i settori soffrono in modo differente - sottolinea – ma non credo vi sarà un problema di acqua potabile. Occorre stare abbastanza tranquilli nonostante la Liguria duplichi gli abitanti durante l'estate per il turismo. Sull'agricoltura uno stato di attenzione c'è vista l'assenza di precipitazioni da lungo tempo".

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium