/ Politica

Politica | 16 giugno 2021, 10:06

Treni annullati e frontalieri rimasti a 'piedi': Parodi (Fai) scrive a Toti "Serve urgentemente un bus di linea"

Il segretario del sindacato intemelio protesta duramente per la scarsa attenzione verso il comparto: "Stiamo perdendo i posti di lavoro"

Treni annullati e frontalieri rimasti a 'piedi': Parodi (Fai) scrive a Toti "Serve urgentemente un bus di linea"

“Ancora oggi treni annullati. Centinaia i frontalieri rimasti a piedi impossibilitati di recarsi al lavoro. Ormai è quotidianità. Abbiamo scritto e richiesto con urgenza, al presidente della regione Liguria Giovanni Toti, l'attivazione di un servizio autobus di linea per salvaguardare i posti di lavoro. Nonostante che i nostri lavoratori paghino le tasse in Italia non usufruiamo dei servizi di trasporto. Questa è una assurdità tanto più che ci giochiamo il posto di lavoro”.

Sono anche oggi durissime e dirette le parole di Roberto Parodi, segretario del sindacato Frontalieri Autonomi Intemeli, per la situazione che va ogni giorno peggiorando per gli spostamenti dei lavoratori che vivono in Italia e si spostano in Costa Azzurra e nel Principato di Monaco  per svolgere il proprio mestiere.

Parodi ha scritto una lettera aperta al Presidente della Regione, Giovanni Toti e all’Assessore ai Trasporti e Turismo, Gianni Berrino, e al collega che ha la delega ai rapporti con i lavoratori transfrontalieri, Marco Scajola.

“Alla luce degli ultimi problemi riguardanti il trasporto dei nostri frontalieri per recarsi al lavoro nel Principato di Monaco e Francia – dice Parodi - chiedo l'attivazione urgente di un sistema di trasporto pubblico di un bus di linea. Recarsi al lavoro è diventata un odissea e non esiste, ormai, un giorno che vediamo la sospensione dei treni legati a svariati motivi. Problemi continui tecnici, soppressioni legati al fenomeno immigrazione. Lo stesso vale per le autostrade francesi chiuse perché si registrano immigrati a piedi che le attraversano”.

“Dopo questi anni di pandemia – prosegue Parodi - che ha visto una perdita esponenziale di lavoro frontaliero, si calcola nel solo principato 8.000 posti in meno e tra questi molti nostri frontalieri. Un piccolo accenno di ripresa porterebbe una prospettiva di impiego che viene perso proprio per questi motivi. I nostri datori di lavoro possono tollerare casi eccezionali per i quali non ci si rende al lavoro o si è in ritardo ma non una sistematica assenza. Questo comporta ulteriori licenziamenti e difficoltà nelle nuove assunzioni dando la preferenza a chi non ha questi problemi e si trovano aldilà della frontiera. Quanti posti di lavoro dobbiamo ancora perdere?”

“Per questo motivo chiedo di attivarsi con estrema urgenza – termina Parodi nella lettera agli Amministratori regionali - al fine di disporre un servizio pubblico bus di linea tra Italia, Francia e Principato di Monaco. Dei maggiori controlli di prevenzione sulle linee ferroviarie, strade, autostrade e all'ingresso dei treni anche se capiamo bene che questo non è tema di competenza della regione contrariamente ai trasporti. Ogni giorno che passa perdiamo posti di lavoro”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium