/ Attualità

Attualità | 29 maggio 2021, 07:25

Sanremo: il regolamento per l’arte di strada torna nel mirino dei musicisti, lo sfogo del violinista Caputo “Ancora non si può suonare, e comunque non è facile”

“Circa un mese fa suonavo a Genova per strada, puoi metterti dove vuoi in tutta la città, a Cuneo è permesso già da tempo anche a Torino si può andare da un paio di settimane”

Sergio Caputo

Sergio Caputo

Nel momento della ripartenza anche la musica e l’arte di strada chiedono di poter ritornare a vivere. A Sanremo, così, torna nel mirino degli artisti il regolamento che già qualche anno fa fece tanto discutere guadagnandosi anche la ribalta nazionale facendo sponda sulla fama della ‘Città della Musica’.

A puntare il dito è Sergio Caputo, noto violinista sanremese, che ha affidato i propri pensieri a un posto su Facebook che sta raccogliendo l’apprezzamento di molti colleghi locali e non solo. Scrive Caputo: “La musica a Sanremo. Circa un mese fa suonavo a Genova per strada, puoi metterti dove vuoi in tutta la città, a Cuneo è permesso già da tempo anche a Torino si può andare da un paio di settimane. A Sanremo ancora no, nonostante per qualcuno sarebbe l’unico lavoro possibile. E comunque non è neanche facile”.

Il “non essere facile” è un chiaro riferimento al regolamento che in città ha reso più complessa del previsto la vita di artisti e musicisti. Continua Caputo: “Devi fare il permesso e portare i documenti dai vigili, puoi suonare 7 giorni al mese dicendo in anticipo il luogo, il giorno e l’orario della tua esibizione, se suoni uno strumento a corda e ti vuoi amplificare devi essere diplomato al conservatorio e iscritto alla Siae, non puoi suonare musica di altri (diritto d’autore), non puoi vendere i tuoi Cd (anche se hai già pagato le tasse con il bollino Siae e puoi venderlo), ti devi spostare ogni 30 minuti, non puoi usare delle basi”.

E poi una sconsolata conclusione: “Sul regolamento c’è scritto che Sanremo riconosce l’arte di strada come fenomeno culturale e ne valorizza tutte le forme espressive…”.

Il post di Caputo ha subito incontrato i favori di molti colleghi musicisti. La bella stagione ancora deve iniziare, ma il mondo degli artisti sembra già insoddisfatto per il trattamento nella ‘Città della Musica’.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium