/ Cronaca

Cronaca | 29 gennaio 2021, 13:17

Centro per migranti: nuova riunione tra Prefetto e Sindaci di Camporosso e Vallecrosia, arriva il chiarimento

Biasi e Gibelli confermano: "Il problema di Ventimiglia rimane, perché il 70% dei migranti sono regolarizzabili e vogliono solo passare il confine. Firmare un protocollo sottolineando che il problema è di altri e Ventimiglia non se ne vuole occupare non può funzionare”.

Centro per migranti: nuova riunione tra Prefetto e Sindaci di Camporosso e Vallecrosia, arriva il chiarimento

Riunione di un’ora e mezza, ieri sera poco dopo le 19 in videoconferenza, tra il Prefetto di Imperia Alberto Intini e i Sindaci di Camporosso e Vallecrosia dopo quella più allargata del mattino con il Prefetto Di Bari e il Sindaco di Ventimiglia, sulla questione legata al centro di accoglienza per migranti.

Un incontro voluto dal Prefetto imperiese, viste le dichiarazioni piccate dei sindaci di Camporosso e Vallecrosia, sul protocollo d’intesa siglato tra Ministero, Provincia, Prefettura e Comune di Ventimiglia, secondo il quale il centro non debba sorgere nella città di confine.

Il Sindaco di Vallecrosia, Armando Biasi, ha ringraziato il Prefetto Intini per la veloce convocazione della riunione: “Probabilmente non era stata molto chiara la posizione nei confronti di Vallecrosia e Bordighera. Chiamare fuori da Ventimiglia quando il problema è della città di confine non è sicuramente un buono modo per affrontare la situazione, tenuto conto che tra l’altro il Sindaco Scullino è anche il presidente del distretto socio-sanitario intemelio. Il problema immigrati deve partire con una regia di Ventimiglia e il Prefetto ha condiviso questa linea, confermandoci di farsi promotore con Ventimiglia. Abbiamo anche appurato che, chiunque vincesse il bando, dovrà comunque avere l’avallo preventivo da parte del Sindaco della città e, quindi, è anche probabile che la gara andrà deserta. Il problema di Ventimiglia rimane, perché il 70% dei migranti sono regolarizzabili e vogliono solo passare il confine. Firmare un protocollo sottolineando che il problema è di altri e Ventimiglia non se ne vuole occupare non può funzionare”.

Sulla stessa linea il collega di Camporosso, Davide Gibelli: “E’ stato un incontro proficuo, anche perché ci ha permesso di capire le dinamiche che hanno condotto all’elaborazione del protocollo di intesa e auspico che possa esserci una ripartenza con il coinvolgimento del comune di Ventimiglia”.

Dal canto suo il Sindaco di Ventimiglia, Gaetano Scullino, conferma quanto detto nella riunione di ieri: “Noi ci atteniamo al protocollo di intesa sottoscritto con il Ministero e il Prefetto. Non entriamo nelle dinamiche che riguardano altri comuni e, giustamente, i Sindaci rappresentano le loro città e sostengono le loro posizioni. Noi abbiamo fatto un accordo e questo è stato approvato. Il problema dei fenomeni migratori è del Ministero ed è l’ente che deve risolversi”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium