/ Attualità

Attualità | 02 novembre 2020, 17:15

Grazie a Confcommercio il Comune di Diano Marina annulla i pagamenti Tari e Tosap per chi bloccato dal lockdown

Inoltre l'Amministrazione comunale ha anche cancellato il pagamento della TOSAP (occupazione suolo pubblico) per le imprese di pubblico esercizio per il periodo dal 1° maggio scorso al 31 dicembre prossimo e, per gli esercizi di commercio su aree pubbliche, dal 1° marzo scorso al 15 ottobre scorso.

Grazie a Confcommercio il Comune di Diano Marina annulla i pagamenti Tari e Tosap per chi bloccato dal lockdown

Il Comune di Diano Marina, a seguito delle richieste avanzate dalla Confcommercio, ha concesso a commercianti e albergatori, lo sgravio totale della seconda rata TARI a tutte quelle attività che, da Dpcm, hanno dovuto chiudere nel periodo marzo - maggio 2020 a causa dell’emergenza Covid 19.

Inoltre l'Amministrazione comunale ha anche cancellato il pagamento della TOSAP (occupazione suolo pubblico) per le imprese di pubblico esercizio per il periodo dal 1° maggio scorso al 31 dicembre prossimo e, per gli esercizi di commercio su aree pubbliche, dal 1° marzo scorso al 15 ottobre scorso. 

Sottolinea la presidente della Confcommercio del Golfo Dianese Franca Weitzenmiller: "Visto il pesante periodo che le nostre imprese stanno affrontando, avevamo avanzato al Comune di Diano Marina la richiesta di intervenire sulle imposte e in particolare su Tari e Tosap, per dare almeno una piccola boccata d’ossigeno a commercianti e albergatori. E il Comune ha risposto in modo positivo. Un risultato per il quale siamo grati a tutta l’Amministrazione comunale e in particolare al sindaco Giacomo Chiappori, al vicesindaco Cristiano Za Garibaldi e all’assessore al Bilancio Luigi Basso. Anche se non si tratta purtroppo della soluzione di tutti i mali che sta vivendo il commercio in questo periodo, riteniamo sia comunque uno spiraglio importante". 

Per giungere a questo positivo risultato, si è impegnato in prima linea il presidente di Federalberghi Americo Pilati. 

Le imprese che restano escluse dalla possibilità di cancellazione automatico delle rate di Tari e Tosap, potranno comunque rivolgersi agli uffici di Confcommercio per predisporre una domanda volta a ottenere la cancellazione delle rate delle imposte, presentando una documentazione atta a dimostrare che, sebbene non obbligate alla chiusura nei periodi citati, sono state egualmente costrette alla chiusura per mancanza di lavoro.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium