/ Attualità

Attualità | 12 luglio 2020, 12:01

Il Covid e il lockdown non fermano la formazione della protezione civile della provincia di Imperia

171 le persone formate negli ultimi 7 mesi. Alessandra Cerri “La formazione è un aspetto fondamentale e imprescindibile per chiunque voglia fare Protezione Civile"

Quando si parla di Protezione Civile si parla anche di formazione. In provincia di Imperia negli ultimi 7 mesi, nonostante lo stop imposto dal Covid-19 e dal lockdown, sono state ben 171 le persone che hanno partecipato e raggiunto l’obiettivo formativo, frequentando i corsi promossi dal coordinamento provinciale, su base delle leggi regionali, tenuti da formatori della riviera dei fiori riconosciuti da Regione Liguria.  

Entrando nel dettaglio: 

  • 52 persone hanno frequentato due corsi di PC 1, tenuti presso la sede della protezione civile e presso il COM di Taggia. 

  • 55 persone hanno frequentato due corsi A1 (Modulo sicurezza 4 ore), il 20 gennaio e il 10 luglio.

  • 64 persone hanno frequentato due corsi A2 (modulo di 16 ore o ridotto di 8 ore, corso propedeutico all’antincendio boschivo e protezione civile), il 15 febbraio e il 12 luglio. 

“La formazione è un aspetto fondamentale e imprescindibile per chiunque voglia fare Protezione Civile - ci spiega la responsabile provinciale Alessandra Cerri - Questo è un anno sicuramente diverso. Il lockdown ha imposto uno stop per queste attività, eppure oggi più che mai ci rendiamo conto di quanto sia importante fare parte della Protezione Civile, anche durante una emergenza sanitaria dove i nostri volontari hanno aiutato la popolazione e i singoli comuni nella gestione degli aiuti”. 

Frequentare i corsi di formazione diventa quindi a maggior ragione necessario anche per tutte le altre attività connesse ai compiti di questi volontari. Non bisogna dimenticare il loro ruolo fondamentale ad esempio quando c’è un incendio boschivo da spegnere.   “E’ proprio così - conferma Alessandra Cerri - A breve faremo sicuramente altri corsi, sempre nel rispetto delle misure precauzionali antiCovid, quindi rispettando le misure di distanziamento sociale e indossando i dispositivi di protezione individuali necessari. Le nuove attività formative ci permetteranno di avallare tutte le persone che desiderano fare in regola Protezione Civile”.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium