/ Eventi

Eventi | 20 gennaio 2020, 07:05

#Sanremo2020: esplode la polemica per Junior Cally che istigherebbe alla violenza sulle donne ed al femmicidio

Ma il rapper si difende mentre Salvini ed il M5S chiedono la sua esclusione.

#Sanremo2020: esplode la polemica per Junior Cally che istigherebbe alla violenza sulle donne ed al femmicidio

Esplode la polemica per la partecipazione del rapper Junior Cally al Festival di Sanremo. Come scrive l’Ansa sono arrivate molte invettive nei confronti del testo della sua canzone, che incoraggerebbe alla violenza.

Ma il rapper respinge l'accusa di scrivere testi sessisti e populisti: “E' evidente dunque che su questa polemica non solo Junior Cally e le sue rime, ma anche le donne e il sessismo non c'entrano nulla. Due sono le cose: o si accetta l'arte del rap, e probabilmente l'arte in generale, che deve essere libera di esprimersi, e si ride delle polemiche. Oppure si faccia del Festival di Sanremo un' ipocrita vetrina del buonismo, lontana dalla realtà e succursale del Parlamento italiano”.

Marcello Foa, presidente della Rai, ha espresso irritazione per le scelte che vanno nella direzione opposta rispetto a quella auspicata: “Il Festival – ha detto – e ancora di più in occasione del suo 70esimo anniversario, deve rappresentare un momento di condivisione di valori, di sano svago e di unione nazionale, nel rispetto del mandato di servizio pubblico. Scelte come quella di Junior Cally sono eticamente inaccettabili per la stragrande maggioranza degli italiani. Spero che Amadeus sappia riportare il festival nella sua giusta dimensione”.

C’è anche l’attacco di Matteo Salvini nei confronti di Junior Cally: "E’ uno che incita all'odio e alla violenza contro le donne. Per un anno ho lavorato con Giulia Bongiorno per far approvare il codice rosso ed ora vengo a sapere che la Rai e il più importante festival della canzone italiana, usando denaro pubblico, sdoganano femminicidio e stupro. Non ho parole: mi auguro che questo tizio non metta mai piede sul palco di Sanremo”.

Dure critiche anche dal M5S: "E’ vergognoso – ha detto la senatrice Cinzia Leone, vicepresidente della commissione di inchiesta sul fenomeno del femminicidio - che un rapper per ragazzini/e che ha nel suo repertorio canzoni contenenti frasi violente e che istigano alla violenza di genere. Ritengo che la Rai dovrebbe svolgere un ruolo importantissimo nel contrastare la violenza contro le donne. Ma quanto meno esigo possa evitare di fomentarla dando spazio a questi ‘cantanti’. Ho ovviamente segnalato tutto con una comunicazione diretta alla Rai".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium