/ Politica

Politica | 18 settembre 2019, 17:59

Molini di Triora: appello per salvare l'asilo, l'On. Di Muro (Lega) risponde "Ho chiamato il Sindaco, sono fiducioso che la vicenda si risolva nelle prossime ore"

“Ho dato la mia disponibilità al Comune per approfondire legislazione in materia ed è emerso come taluni requisiti giuridici e formali obbligatori siano gli stessi sia per i borghi dell’entroterra come per le città sulla costa. Ecco questo potrebbe creare poca attrattiva, per gli insegnanti verso territori montani".

Molini di Triora: appello per salvare l'asilo, l'On. Di Muro (Lega) risponde "Ho chiamato il Sindaco, sono fiducioso che la vicenda si risolva nelle prossime ore"

“Appena ho visto l'articolo mi sono interessato subito alla problematica ed ho parlato con il sindaco Manuela Sasso e la consigliera comunale delegata Daniela Bracco”.

Anche l’On. Flavio Di Muro, deputato della Lega si è mosso per Molini di Triora, dopo l’appello lanciato ieri attraverso le pagine del nostro giornale online (LINK), per la ricerca di un insegnante per salvare l’asilo dalla chiusura. La scuola dell’infanzia di questo borgo della Valle Argentina rischia di non aprire se non si troverà una maestra entro il prossimo 28 settembre, costringendo i 5 bimbi del paese a doversi recare a Triora.

“Era un problema di cui non ero a conoscenza. - aggiunge Di Muro - Appena l’ho saputo ho pensato a come il giorno prima su Facebook ci fossimo sbizzarriti tutti con gli auguri per l’inizio del nuovo anno scolastico. Credo che oltre ai buoni auspici, quando c’è possibilità di fare qualcosa di concreto per la scuola ed i figli sia giusto farlo e qui, mi rivolgo ai colleghi delle istituzioni, andando oltre alle sole dichiarazione d’intenti”.

 Arrivano buone notizie in merito al Molini di Triora. Una prima conferma passa dall’On. Di Muro: “Mi risulta che per fortuna l’appello sia stato accolto da tantissimi insegnanti che in queste ore stanno dando disponibilità. Sono fiducioso che la vicenda possa risolversi nelle prossime ore con colloqui e quindi senza che vi sia bisogno dell’intervento pubblico”.

Il problema dell'asilo offre ulteriori spunti di analisi quando si parla di entroterra e della necessità di preservare i sevizi: 
“Ho dato la mia disponibilità al Comune per approfondire legislazione in materia ed è emerso come taluni requisiti giuridici e formali obbligatori siano gli stessi sia per i borghi dell’entroterra come per le città sulla costa. Ecco questo potrebbe creare poca attrattiva, per gli insegnanti verso territori montani. Quindi senza scuole, botteghe, bus, insomma senza servizi fondamentali si creerebbe lo spopolamento di queste realtà. Se non ci impegniamo come legislatori a verificare queste e altre criticità, così come a dare risposte concrete, rischiamo che nei prossimi decenni si arrivi alla morte di questi borghi” - conclude Di Muro.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium