/ Attualità

Attualità | 05 agosto 2019, 07:14

Sanremo: le casse del Comune piangono, pesano anche 10 anni anni di multe e Tarsu non pagate per un totale di 13 milioni di euro

Momento difficile per il portafogli di Palazzo Bellevue con la mazzata delle cartelle stralciate dal Governo

Sanremo: le casse del Comune piangono, pesano anche 10 anni anni di multe e Tarsu non pagate per un totale di 13 milioni di euro

È un momento difficile per le casse del Comune di Sanremo, come lo è anche per molte altre realtà in zona e non solo. Le amministrazioni locali devono fare manovre a dir poco ardue per far quadrare i conti e, mentre la ‘vox pupuli’ spesso punta il dito solo contro il mondo della politica, c’è tutto un sommerso di mancati pagamenti che pesa sulla collettività come un macigno.

I dati relativi al Comune di Sanremo fanno rabbrividire. In quasi 10 anni, dal 2010 ad oggi, alle casse pubbliche mancano 13 milioni di euro per multe e tasse non pagate. Andando nel dettaglio, sono 10 milioni di multe non pagate e 3 milioni di Tarsu (tassa sui rifiuti) evasa. Cattive abitudini e cittadini ‘fantasma’ che mai hanno dato il loro contributo e che, grazie alla manovra del Governo che ha stralciato migliaia di cartelle esattoriali sotto i mille euro, ora possono dirsi in regola.

L’assessore al Bilancio del Comune di Sanremo Massimo Rossano l’ha definita una “mazzata”, un colpo basso in un periodo nel quale l’amministrazione deve fare acrobazie per far quadrare i conti con provvedimenti non certo gradevoli come l’aumento dei buoni pasto per le scuole, delle tariffe per la sosta a pagamento e dell’Irpef che passa dallo 0.6% allo 0,8%. In tutto questo, se si guarda al passato, ci sono 13 milioni spariti per colpa di chi non ha mai voluto pagare. C’è, è vero, una buona percentuale di persone che, anche volendo, non possono pagare, ma c’è anche un’altra percentuale di menefreghisti che gravano sul resto della collettività.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium