/ Cronaca

Cronaca | 04 agosto 2019, 12:06

Ventimiglia: Salvini chiede a Macron di aprire il confine, Di Muro "E' un'ipocrisia tutta francese" (Video)

"I decreti sicurezza stanno funzionando bene ma abbiamo bisogno della solidarietà europea, altrimenti Ventimiglia sarà sempre dimenticata e l’Italia dovrà pagare una invasione di massa che non gli compete”.

Ventimiglia: Salvini chiede a Macron di aprire il confine, Di Muro "E' un'ipocrisia tutta francese" (Video)

Dopo gli ultimi interventi del Ministro Salvini contro la Francia per la chiusura del confine di Ventimiglia, abbiamo fatto il punto della situazione sui migranti con l’onorevole della città frontaliera, Flavio Di Muro.

Il deputato Ventimigliese ha confermato l’importanza degli interventi del Ministro del suo partito: “Anche dal territorio il Ministro Salvini da molte spinte in questa direzione ed ha portato anche la commissione Schengen a valutare i motivi della sospensione da parte francese, quindi al ‘muro’ creato al confine di Ventimiglia. C’è un’ipocrisia tutta francese ed un premier Macron che dice all’Italia di non chiudere i porti, salvo poi respingere i migranti a Ventimiglia, come noi sappiamo da anni. Spero che la nuova commissione europea metta fine al trattato di Dublino così vessatorio nei confronti dell’Italia e dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ridiscutendo così la gestione condivisa dei flussi migratori in Europa”.

La situazione è sicuramente migliorata negli ultimi tempi, ma come vede il futuro di un fenomeno che ormai non si può più considerare tale? “Il blocco dei porti e la linea dura del Ministro Salvini dell’ultimo anno ha ridotto drasticamente i numeri. Basta vedere i vostri articoli per notare la netta riduzione delle presenze, che significa anche più tranquillità dei quartieri come le Gianchette. Si tra migliorando anche se notiamo una recrudescenza della rotta via terra. Ora dalla Slovenia sono aumentati i flussi e, anche se Ventimiglia sarà sempre un ‘tappo’ fino a quando rimane città di confine. I decreti sicurezza stanno funzionando bene ma abbiamo bisogno della solidarietà europea, altrimenti Ventimiglia sarà sempre dimenticata e l’Italia dovrà pagare una invasione di massa che non gli compete”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium