/ Cronaca

Cronaca | 13 luglio 2019, 17:22

Sanremo: 28enne marocchino picchia e tenta di violentare una donna, arrestato dalla Polizia

E’ stato così assicurato alla giustizia un personaggio pericoloso, con a carico numerosi precedenti penali per plurime violazioni della normativa sugli stupefacenti, rapina ed altri reati.

Sanremo: 28enne marocchino picchia e tenta di violentare una donna, arrestato dalla Polizia

È durata poco la fuga di un ventottenne marocchino pregiudicato, B.H.A., che nella notte tra domenica e lunedì scorso nel centro storico di Sanremo, ha tentato di rapinare una giovane donna di origini moldave che stava tornando a casa dopo una serata trascorsa fuori con gli amici. I poliziotti della Squadra Mobile di Imperia, con un’indagine lampo, lo hanno scovato e sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, accompagnandolo nel carcere di Sanremo (dove è presente una specifica sezione per i ‘sex offenders’).

La donna, superato lo shock, si era rivolta alla Polizia denunciando i fatti. L’aggressore l’aveva incrociata per strada, spuntando da un angolo buio e, quindi, le aveva improvvisamente afferrato il braccio e, dicendole “amore, amore” cercando di strapparle la borsetta che portava a tracolla, non riuscendoci solo grazie alla resistenza della vittima. A quel punto l’ha spinta e schiaffeggiata, fino a farla cadere a terra, sdraiandosi su di lei ed iniziando a palpeggiarla nelle parti intime e ad ingiuriarla con pesanti epiteti.

La giovane ha iniziato ad urlare, attirando l’attenzione di alcuni residenti, facendo sì che l’aggressore, per timore di essere scoperto, si desse precipitosamente alla fuga. Sconvolta aveva cercato di far ritorno a casa nel più breve tempo possibile, ma si era trovata di fronte un gruppo di persone tra le quali aveva riconosciuto il suo aggressore. Lo ha indicato, sperando di trovare sostegno nei presenti e dicendogli che lo aveva riconosciuto ed avrebbe chiamato la Polizia. L’uomo, anziché intimorirsi, le si era avvicinato colpendola nuovamente con alcuni schiaffi, per poi riprendere la sua fuga, mentre tutti gli altri erano rimasti inermi a guardare.

Sono scattate le indagini, che confermavano la dinamica dei fatti, documentata dalle immagini estrapolate dai filmati delle telecamere cittadine. Gli agenti della Mobile, sulla base dell’identikit fornito dalla vittima, hanno identificato l’aggressore dopo aver ristretto il cerchio intorno ad alcune palazzine in prossimità del centro storico, in cui si era capito che il fuggitivo (sentendosi braccato e temendo di essere rintracciato in giro a Sanremo) aveva trovato ospitalità da qualcuno.

Dopo oltre 24 ore di ricerche ininterrotte, l’uomo è stato fermato in un appartamento, dove una connazionale lo ospitava consapevole del fatto che fosse ricercato, come è emerso anche nel corso della cattura, quando gli investigatori, con un escamotage, sono riusciti a ‘stanarlo’ e farlo uscire sul pianerottolo. All’esito delle perquisizioni, sono stati anche rinvenuti e sequestrati tutti gli indumenti utilizzati dal malvivente al momento dei fatti.

Considerato il grave quadro indiziario a suo carico ed il concreto pericolo che potesse darsi alla fuga, è stato sottoposto a fermo per tentata rapina e violenza sessuale aggravata, oltre alle lesioni causate alla vittima. La sua connazionale, invece, dovrà rispondere di favoreggiamento personale, avendo consapevolmente aiutato il fermato a sottrarsi alle ricerche. E’ stato così assicurato alla giustizia un personaggio pericoloso, con a carico numerosi precedenti penali per plurime violazioni della normativa sugli stupefacenti, rapina ed altri reati.

Carlo Alessi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium