/ Eventi

Eventi | 26 agosto 2010, 10:11

Sanremo: domani sera a 'Le plaisir de lire' lo scrittore Raul Montanari

Fresco finalista del Premio Strega, si è imposto con la propria coerenza stilistica in un intenso percorso con già all’attivo dieci romanzi, nonché numerosissimi racconti usciti su varie antologie e sui principali quotidiani e periodici italiani.

Sanremo: domani sera a 'Le plaisir de lire' lo scrittore Raul Montanari

Ultimo appuntamento in programma per la quinta edizione di “Le Plaisir de Lire”, la rassegna letteraria ospitata dall’incantevole parco di Villa Nobel, evento caratterizzante dell’estate sanremese. Domani lo special guest sarà lo scrittore Raul Montanari che presenterà la propria opera “Strane cose, domani” (Baldini Castoldi Dalai). Nella continuità con l’edizione dello scorso anno che era stata chiusa con Tiziano Scarpa, protagonista della serata sarà una delle firme più interessanti del panorama letterario italiano, Raul Montanari.

Fresco finalista del Premio Strega,  si è imposto con la propria coerenza stilistica in un intenso percorso con già all’attivo dieci romanzi, nonché numerosissimi racconti usciti su varie antologie e sui principali quotidiani e periodici italiani. “Strane cose, domani”, edito nel 2009 per la casa editrice Baldini Castoldi Dalai, è stato definito dall’autore stesso come “post noir”, un’etichetta che ha provocato una sensibile eco in ambito letterario. Nella trama, infatti, l'approfondimento dell'io e delle sfumature psicologiche dei personaggi sembra superare definitivamente il tema del delitto, dell'indagine, ovvero i temi tipici del genere noir che proprio lo scrittore ha contribuito a “sdoganare” nel panorama italiano. Tale scelta stilistica era già stata avviata da Montanari nel precedente “La prima notte”, sempre pubblicato dalla Baldini Castoldi Dalai. Anche in quel caso, infatti, lo scrittore aveva posto maggiormente in evidenza le complesse sfaccettature psicologiche dei personaggi piuttosto che la caratteristica trama noir vera e propria, sempre comunque presente, sebbene un po’ in sordina rispetto al passato. L’inizio della serata, condotta dalla giornalista Claudia Claudiano, è previsto per le ore 21:30. “Le Plaisir de Lire” è promosso dalla Provincia di Imperia. L’organizzazione generale è a cura di Angelo Giacobbe e Claudia Claudiano per la Cooperativa CMC. L’ingresso al pubblico è libero fino a esaurimento posti disponibili. In caso di maltempo, l’incontro si svolgerà comunque all’interno della Villa. Montanari chiude una prestigiosa “cinquina” di ospiti (Paolo Guzzanti, Alberto Fortis, Alessandro Meluzzi, Dario Salvatori) che hanno confermato lo straordinario richiamo di Villa Nobel quale prezioso centro culturale in grado di attrarre centinaia di spettatori in un’atmosfera elegante dove la parola (e la musica) sono state applauditissime protagoniste.

 

Raul Montanari nasce a Bergamo nel 1959. Trasferitosi a Milano con la famiglia, compie nel capoluogo lombardo studi classici. Dopo un'esperienza lavorativa nell’ambito pubblicitario, si avvicina al mondo letterario inizialmente come traduttore, dall’inglese, dal greco e dal latino. Nel 1991 pubblica il suo primo romanzo, “Il buio divora la strada”. Ha pubblicato finora dieci romanzi, tre raccolte di racconti, e assieme ad Aldo Nove e Tiziano Scarpa la raccolta di poesie “Nelle galassie oggi come oggi. Covers”. Molti altri suoi racconti, articoli e saggi sono stati pubblicati su antologie, periodici e quotidiani. A Milano dirige, dal 1999, una scuola di scrittura creativa e non disdegna interventi televisivi come opinionista. Fa parte della giuria del concorso nazionale Subway-Letteratura La maggior parte delle opere di Montanari è riconducibile al genere noir, sebbene l’autore si discosti ampiamente dal cosiddetto noir poliziesco, con protagonisti ispettori che risolvono intricati casi, per ricongiungersi al noir letterario, per esempio di Patricia Highsmith o di Friedrich Dürrenmatt a cui talvolta Montanari viene paragonato. Un capitolo a parte della sua produzione è rappresentato da “Che cosa hai fatto”, opera talmente sconvolgente e scabrosa da avere atteso per dieci anni la pubblicazione. Lo spietato realismo delle scene erotiche di questo "pseudodecameron" trova costante contrappunto nello scenario infernale che circonda il protagonista. Una tematica già esistente nelle prime opere si è fatta via via più presente fino a guadagnarsi il titolo del terzultimo romanzo: “L’esistenza di Dio”. È interessante notare come Montanari, ateo dichiarato, non manchi mai di interrogarsi, spesso nei passaggi più angosciosi dei suoi scritti, sul ruolo e il coinvolgimento dell’entità suprema, spettatrice o burattinaia delle vicende umane. Questo ha fatto sì che Andrea Camilleri lo abbia descritto come uno “scrittore mistico”. Nel 2007 esce “È di moda la morte”, raccolta di fulminanti racconti noir ispirati al mondo della moda, in cui l'ambiente pseudo-glamour delle sfilate e dintorni viene sezionato con acume e competenza. Una svolta notevole nella produzione letteraria di Montanari arriva con il romanzo del 2008 “La prima notte” (Baldini Castoldi Dalai); il libro si svolge nell'arco di tempo di una nottata, come il titolo suggerisce, ed è quasi interamente costituito da un dialogo tra l'uomo protagonista, di cui non si viene mai a sapere il nome, e la donna di cui è innamorato, Irene. La svolta è costituita da una maggiore attenzione alla psicologia dei personaggi rispetto alla trama noir, sempre presente ma un po' in sordina. Questa tendenza viene consacrata dal romanzo pubblicato nel 2009 “Strane cose, domani”.

“Strane cose, domani” Si può essere assassini e innocenti? Danio fa lo psicologo, è separato e ha un figlio, nervoso come tutti i ventenni. Ha anche una giovane fidanzata, e le pazienti che affollano il suo studio lo adorano. Fin troppo. Ma, soprattutto, Danio ha un segreto: è un assassino. Un assassino per caso. Nessuno lo sa tranne la sua ex moglie, l’enigmatica, magica Eliana. Il ritrovamento di un diario, abbandonato in un parco da una ragazzina, rompe il delicatissimo equilibrio che governa le sue giornate. Coinvolto in un odioso dramma famigliare, pressato dalla coscienza e seguito ovunque da un bizzarro e indimenticabile detective privato, Danio dovrà difendere se stesso e le persone che ama da una minaccia inattesa, fino a una resa dei conti rivelatrice per il senso stesso della sua esistenza. “Strane cose, domani” è un romanzo ricco di sorprese e sottigliezze, una storia incalzante, lontana dai luoghi comuni, che racconta un amore indomabile per la vita.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium