/ Eventi

Eventi | 18 luglio 2019, 13:15

San Bartolomeo al Mare: inizia lunedì la 32ª edizione del Premio Rovere d'Oro con più di 100 partecipanti, Urso "Porteremo il concorso sul tetto del mondo" (Foto e video)

Oggi la presentazione ufficiale presso la Sal Consiglio della Provincia di Imperia

San Bartolomeo al Mare: inizia lunedì la 32ª edizione del Premio Rovere d'Oro con più di 100 partecipanti, Urso "Porteremo il concorso sul tetto del mondo" (Foto e video)

"La cultura non deve essere vista come costo, ma come grande veicolo di promozione", sotto questo auspicio lanciato dal maestro e direttore artistico Christian Lavernier si è svolta oggi, presso la Sala Consiglio della Provincia di Imperia, la presentazione della trentaduesima edizione del Premio Rovere d'Oro.

Un evento di portata internazionale che vedrà esibirsi a San Bartolomeo al Mare oltre cento partecipanti da tutto il mondo Europa, Argentina, Cina, per contendersi l'ambito premio. Al concorso Rovere d'Oro verranno, come di consueto, affiancate la gara dei 'Giovani Talenti' e le tipiche esibizioni serali sul sagrato del santuario di Nostra Signora della Rovere da lunedì 22 a sabato 27 luglio con la grande serata finale e la nomina del nuovo vincitore del premio.

A patrocinare l'evento, organizzato dal comune di San Bartolomeo al Mare in collaborazione con l'Associazione fondatrice Rovere d'Oro, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Liguria, la Prefettura e la Provincia di Imperia presente oggi in conferenza con il suo presidente Domenico Abbo.

Oltre ad Abbo e al succitato Lavernier hanno presentato il Rovere d'Oro il sindaco di San Bartolomeo Valerio Urso insieme al consigliere delegato Benito Lamonica, musicista, che si occuperà della parte amministrativa della rassegna e della ricerca attiva di sponsor privati e non per farla crescere, e Viviana Arimondo figlia di Rita Romani Arimondo presidente dell'Associazione Rovere d’Oro.

"Prosegue questa nostra sottolineatura con cui vogliamo dire che l'investimento in cultura paga per San Bartolomeo molto bene e il Rovere d'Oro ne è straordinario veicolo – ha detto Urso. Trentaduesima edizione e dai numeri che si prospettano sarà straordinaria facendoci proseguire in quel cammino che vuol portare il Rovere d'Oro ad avere un'incidenza a livello mondiale. Con Christian Lavernier e con l'assessore Lamonica sicuramente andremo avanti in questo percorso e siamo fiduciosi di ottenere questo risultato".

Sulla figura di Lamonica: "Ho voluto fortemente Lamonica all'interno della mia amministrazione perché penso di mettere un professionista a parlare di un qualcosa di estremamente specifico e culturalmente elevato e quindi voglio pensare che con il binomio Lavernier-Lamonica si possano raggiungere i risultati che auspico da tanto tempo".

"La cultura non è solo un costo – ha evidenziato Lavernier. È invece un qualcosa che può creare una certa attività nel substrato culturale e anche economico di una città, immaginate che più di cento iscritti arriveranno a San Bartolomeo un po' da tutto il mondo. Io credo fortemente che il Rovere d'Oro in questi anni stia iniziando un percorso che lo deve portare a essere ciò che merita. Siamo alla trentaduesima edizione, ma nella mia testa c'è già la trentatreesima. Sono contento dei concerti che ci saranno con ingresso gratuito dal 22 al 27 luglio con artisti di fama internazionale. Tutti questi ribadisco sono gratis perché la cultura deve essere divulgata e deve essere di tutti, per cui invito a venire al santuario della Rovere. Sono infine contento anche di quello che avverrà prima anche con le prove in forma pubblica nelle scuole di San Bartolomeo".

Sul Rovere d'Oro come vetrina per i giovani: "I giovani trovano in questo concorso delle possibilità per mostrarsi, per conoscersi anche tra di loro e per farsi valutare da una grande giuria di persone molto competenti. Questo ovviamente porta dei benefici a loro in termini artistici e per il proseguo del loro studio di una materia così difficile come la musica".

Sei le categorie in gara: Pianoforte, Arpa, Chitarra, Strumenti ad arco, Strumenti a fiato e Musica d'insieme. Duemila euro la somma per la borsa di studio del vincitore al quale verrà anche offerta la possibilità di esibirsi in concerto in Danimarca. Al primo premio si affiancheranno tutta un'altra serie di riconoscimenti pagati anche grazie al supporto degli esercenti di San Bartolomeo.

Per ciò che concerne i giovani i limiti di età sono dagli 8 ai 35 anni con un'unica prova, mentre saranno tre distinte durante il corso della settimana quelle dei Rovere d'Oro. A valutarle una giuria di assoluto valore composta da: Gabriel Guillen Navarro (chitarra), Francisco José Gil Ortiz (clarinetto), Renata Benvegnù (pianoforte), Giorgina Sanchez Torres (flauto) e Floraleda Sacchi (arpa).

Questo il programma delle serate gratuite sul sagrato, ore 21:

Lunedì 22 luglio: Giorgina Sanchez Torres (violoncello) e Francisco José Gil Ortiz (clarinetto)
Martedì 23 luglio: Gabriel Gullien Navarro (chitarra)
Mercoledì 24 luglio: Renata Benvegnù (pianoforte) e Miguel Tamarit (clarinetto)
Giovedì 25 luglio: Floreada Sacchi (arpa)
Venerdì 26 luglio: Gloria Cianchetta (piano), premiata Rovere d'Oro 2018
Sabato 27 luglio: Finale concorso internazionale Rovere d'Oro 2019 e premiazioni

Lorenzo Bonsignorio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium