/ POLITICA

POLITICA | 09 luglio 2019, 17:06

Decreto sicurezza bis e targhe estere: Berrino: “Ringrazio il gruppo parlamentare di FdI per l'emendamento”

Il documento tutela chi risiede in Italia ma lavora oltreconfine come per i frontalieri ventimigliesi a Monaco

Decreto sicurezza bis e targhe estere: Berrino: “Ringrazio il gruppo parlamentare di FdI per l'emendamento”

“Voglio esprimere profonda gratitudine al gruppo parlamentare di Fratelli d'Italia per avere dimostrato grande sensibilità, con l'inserimento del necessario emendamento ad un articolo del  cosiddetto “Decreto sicurezza bis”, tutelando chi risiede in Italia ma lavora oltreconfine: mi auguro che venga approvato in modo da colmare un importante vuoto legislativo”. Così l'assessore regionale Gianni Berrino sull'emendamento presentato dai parlamentari di Fratelli d'Italia che va ad integrare la riforma dell'articolo 93 del Codice della Strada.

“Le nuove norme sanzionano giustamente con multe fino a 2.848 euro chi, pur vivendo e lavorando in Italia, utilizza veicoli con targa straniera al fine di eludere il pagamento delle relative imposte, incontrando spesso agevolazioni sui premi assicurativi e riuscendo talvolta ad evitare la notifica di contestazioni non contestuali all’infrazione. Ma c'è anche chi non fa il 'furbetto'. L'emendamento - spiega Berrino - infatti esenta dalle sanzioni i conducenti di veicoli con targhe estere residenti da almeno un anno nelle province di confine e chi guida un mezzo con targa straniera di parente residente da almeno un anno in una provincia di confine. Penso ai tanti italiani che fanno i pendolari tra Francia e provincia di Imperia che potranno avere una preoccupazione in meno”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium