/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 21 febbraio 2019, 17:26

Ordinanza 'No Slot' a Ventimiglia: il Tar della Liguria dà ragione al Sindaco, le macchinette rimangono spente dalle 7 alle 19

Una decisione che potrebbe generare un effetto domino anche nelle città vicine a quella di confine, visto che molti sindaci avevano apprezzato la scelta di Ioculano, affermando di attendere però la decisione del Tar.

Ordinanza 'No Slot' a Ventimiglia: il Tar della Liguria dà ragione al Sindaco, le macchinette rimangono spente dalle 7 alle 19

Il Tar della Liguria ha confermato la validità dell’ordinanza ‘No Slot’ del Sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano, rigettando la richiesta di sospensiva della società ‘Fun Seven Srl’, concessionaria e distributrice degli apparecchi da gioco con vincite in denaro, con la seguente motivazione: “[…]nel bilanciamento degli interessi […]a fronte di un interesse meramente patrimoniale, appaiono di gran lunga prevalenti le esigenze di tutela della salute pubblica sottese al provvedimento impugnato”.

Il provvedimento emesso dal Sindaco prevede lo spegnimento dalle 7 alle 19 delle slot e delle altre apparecchiature da gioco con vincite in denaro negli esercizi commerciali e pubblici e nelle sale da gioco ubicate in città.

A Ventimiglia, nonostante l’approvazione di un Regolamento per contenere la diffusione del gioco patologico, che ha prodotto una contrazione dell’azzardo in città, e l’approvazione di tariffe Tari maggiorate ai gestori di attività con Slot, il territorio risulta comunque interessato da numerose installazioni di apparecchi da gioco con vincite in denaro sia all’interno di locali destinati ad altra attività, sia quale attività a sé stante.

I dati riferiti al Comune di Ventimiglia riportano una preoccupante situazione di giocate pro capite annue di 1.015 euro e giocate annue complessive di 25 milioni, con 232 apparecchi slot ed un rapporto apparecchi/abitanti 9,6/1000.

“Siamo felicissimi di questa notizia – ha detto il Sindaco Ioculano - che ci dà ancora più forza per continuare la nostra battaglia contro il fenomeno dell’Azzardopatia. Auspicavamo un tale risultato, forti di aver attivato un provvedimento a difesa della collettività e della ‘salute pubblica. Ringrazio ancora una volta tutti i numerosissimi cittadini che ci hanno supportato in questo percorso no slot”!

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium