/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 14 giugno 2018, 13:09

Dolcedo: presso la sala S. Domenico, presentata la mostra - spettacolo ‘Rifiutiamo di meno… insieme si può’.

Una manifestazione che è stata il momento conclusivo del progetto ‘Aiutiamo la natura, rifiutiamo di meno’ dell’Istituto Comprensivo Littardi

Dolcedo: presso la sala S. Domenico, presentata la mostra - spettacolo ‘Rifiutiamo di meno… insieme si può’.

Mercoledì 6 giugno, alle ore 14.30, presso la sala S. Domenico di  Dolcedo, i bambini della scuola primaria, hanno presentato la mostra - spettacolo ‘Rifiutiamo di meno… insieme si può’.

“L’Istituto Comprensivo Littardi - spiega il dirigente scolastico Giovanni Allegro - si pone da sempre l’obbiettivo di insegnare ai nostri piccoli allievi l’importanza del rispetto della natura, del riciclo, e della raccolta differenziata crediamo infatti che insegnare oggi ai bambini questi passaggi fondamentali della vita di tutti i giorni  renderà migliore il mondo di domani.

Uno dei nostri plessi più attivi in questo campo è sicuramente quello della scuola primaria di Dolcedo. Infatti mercoledì scorso i bambini della scuola primaria, hanno presentato appunto la mostra – spettacolo 'Rifiutiamo di meno… insieme si può’.

Questa manifestazione è stata il momento conclusivo del progetto ‘Aiutiamo la natura, rifiutiamo di meno’ che ha accompagnato gli alunni durante l’intero anno scolastico in un percorso volto alla sensibilizzazione sui problemi ambientali e alla formazione di una coscienza ecologica: cura delle piante nell’orto della scuola, differenziazione dei rifiuti, riutilizzo dei materiali per creare nuovi oggetti.

Un ringraziamento particolare all’amministrazione comunale di Dolcedo ed ai genitori che sempre collaborano e sostengono le iniziative della scuola, all’insegnante Gabriella Badano, Fabio Boero, Matteo e Elisa Serafini che hanno condotto alcune lezioni sul rispetto dell’ambiente”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore