/ CRONACA

CRONACA | 25 luglio 2015, 19:32

Imperia: tragedia in mare, 50enne di Diano Marina annega tra le onde. Inutili i soccorsi

L'uomo si era tuffato in acqua assieme al figlio adolescente ma si è trovato subito in difficoltà a causa delle onde burrascose

Imperia: tragedia in mare, 50enne di Diano Marina annega tra le onde. Inutili i soccorsi

Grave incidente in mare intorno alle 18.30 di ieri nello specchio d’acqua di fronte ad Imperia, tra gli stabilimenti Papeete Beach e Il Pennello.

Mauro Feola, 50 anni di Diano Marina, è deceduto dopo essersi tuffato in mare assieme al figlio adolescente a causa delle onde burrascose. A portarlo a riva sono stati due giovani che hanno visto il corpo in acqua e sono subito intervenuti in suo soccorso, ma purtroppo per lui non c'era niente da fare. 

La dinamica della tragedia è ancora da chiarire. In un primo momento, sulla base di alcune testimonianze, si era ipotizzato che Feola si fosse tuffato in acqua per soccorrere il figlio in difficoltà, ipotesi smentita poi dalle forze dell'ordine, anche se pare difficile che l'uomo sia entrato in acqua senza motivo visto il mare molto mosso, e considerato soprattutto che così facendo avrebbe lasciato sola in spiaggia l'altra figlia piccola. Da chiarire è anche se e perché i bagnini dello stabilimento non siano intervenuti.

Il figlio, è stato allontanato subito dopo la tragedia, ma tra i testimoni c'è chi giura di averlo visto implorare ai bagnini di salvare il padre.

Sul posto sono intervenuti Carabinieri, l’ambulanza del 118, la Croce Rossa, i vigili del Fuoco e la Capitaneria di Porto ma nonostante gli interventi a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione da parte del personale medico.

In serata la salma è stata portata al cimitero di Oneglia, ma non è ancora a disposizione della famiglia. La magistratura vuole vederci chiaro sulle cause della morte, anche se sembra evidente l'ipotesi dell'annegamento. Il Pm che si sta occupando del caso, Maria Paola Marrali, ha disposto l'autopsia.

Feola, dianese, imprenditore vinicolo, era molto conosciuto nella città degli aranci dove portava avanti con impegno le attività all'interno dei Goliardi Dianesi e della Famija Dianese. Di recente era diventato padre di una bambina.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium