/ Politica

Politica | 20 settembre 2022, 07:14

Immigrazione al centro dell'assemblea della Cgil: Ioculano "Dalla Lega solo parole, Salvini non risolve nulla" (Foto e Video)

I responsabili del sindacato hanno coniugato sviluppo e lotta alla precarietà con il fenomeno dei migranti nella città di confine "Servono risposte per tutti anche per gli ultimi"

Immigrazione al centro dell'assemblea della Cgil: Ioculano "Dalla Lega solo parole, Salvini non risolve nulla" (Foto e Video)

Il problema dell’immigrazione a Ventimiglia è stato uno dei temi all’ordine del giorno dell’assemblea della Cgil organizzata dalla segreteria provinciale e alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il segretario regionale Maurizio Calì, l’ex Sindaco Enrico Ioculano, il responsabile del centro Caritas Christian Papini e il presidente della Spes, Matteo Lupi.

L’assemblea è partita dai problemi di carattere economico e occupazionale, in provincia e nel paese intero ma che, a Ventimiglia, non possono che avvicinarsi alla questione legata all’immigrazione. “Ci vogliono interventi straordinari – ha detto il segretario regionale della Cgil, Maurizio Calìperché chiudere gli occhi di fronte a una situazione umanitaria che è contraria alla nostra stessa costituzione. Quello che accade a Ventimiglia è disumano e la politica si volta dall’altra parte. Chi arriva qui non fa turismo ma è in condizioni di necessità. Per queste persone servono politiche specifiche, no slogan elettorali e pensiamo che si debba prendere atto e discutere anche con la Prefettura per capire il da farsi. Servono campi appositi e interventi straordinari, cercando di governare l’immigrazione e non lasciarla alla delinquenza e allo sfruttamento”.

Anche Fulvio Fellegara, segretario provinciale, ha analizzato la situazione: “Noi siamo in campo dal 2015, con la gestione dell’emergenza e poi la riduzione. Oggi siamo di fronte a una nuova fase, seppur con numeri inferiori ma rimane la necessità di interventi per la città di Ventimiglia oltre che per le persone in transito. Ci sono problemi di ordine pubblico, sanitari, di spazi pubblici e per il turismo visto che la città sta pagando un prezzo altissimo. C’è poi l’aspetto umanitario perché non possiamo pensare che una sola persona dorma sotto i ponti o muoia nel tentativo di passare il confine. Anche se i numeri sono calati si devono dare delle risposte che, forse non daranno una risposta completa e non risolverà il problema ma attenueranno gli effetti sulla città e daranno una mano agli immigrati”. Nel corso dell’assemblea i responsabili della Cgil hanno anche parlato di sviluppo, lotta alla precarietà, riforma fiscale e riforma delle pensioni: “Sono temi che proponiamo alla politica e a chiunque verrà eletto domenica. Ma parlare di questo senza affrontare il problema dell’immigrazione non ha senso. Si devono dare risposte a tutti anche ai cosiddetti ultimi”.

All’incontro anche l’ex Sindaco, Enrico Ioculano, con il quale abbiamo trattato un problema che lui ha vissuto in prima persona anche durante il periodo in cui lui era al vertice della città: “Abbiamo a che fare con diversi tipi di immigrazione, stanziale e di transito. A Ventimiglia viviamo la seconda, sulla quale la città aveva già dato delle risposte come il centro di accoglienza, in modo che la stragrande maggioranza dei migranti ottenesse un rifugio e una possibilità di rifocillarsi e poi decidere cosa fare. Il centro dava anche una risposta alla città, per rendere la città più decoroso. Il campo è stato smantellato in poco tempo dalla precedente amministrazione e oggi ci troviamo in una situazione catastrofica, per i migranti ma anche per Ventimiglia”.

La nuova amministrazione ci sarà solo all’inizio dell’estate e sembra che un eventuale campo di accoglienza rimane una chimera. Stiamo andando verso l’inverno ma, se la prossima estate tornerà il fenomeno immigrazione su numeri elevati cosa accadrà? “La volontà è solo politica, nonostante gli annunci di ordine e sicurezza. Chi arriverà avrà la responsabilità di mettere mano al problema e non dimentichiamo che il campo si allestisce in un mese e mezzo. Ci è sembrato di capire che, negli ultimi mesi di amministrazione Scullino anche i partiti di maggioranza, ad eccezione di Lega e Fratelli d’Italia, che erano disponibili al campo di accoglienza. Dipende quindi solo dalla volontà politica”.

Nelle ultime dichiarazioni della Lega, i suoi responsabili hanno confermato che con Salvini al Governo si fermeranno gli sbarchi e quindi calerà il fenomeno. Lei cosa risponde? “Con Salvini Ministro dell’Interno gli sbarchi non si sono fermati perché gli arrivi a Ventimiglia c’erano comunque e non dimentichiamo che il vice Ministro attuale è della Lega. Lo stesso partito è al governo della Regione e aveva la delega all’immigrazione a Ventimiglia e siamo in queste condizioni, con le persone per strada e i cittadini esasperati. Nessun risultato quindi, solo parole”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium