/ Politica

Politica | 02 luglio 2022, 15:52

Caso Libeccio, l'ex sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino replica con una nota al Pd: "Realtà travisata"

"A precisa domanda del sindaco, e come in tutte le transazioni, il Comune non verserà alcunché a Pentamar a titolo di spese legali e vi è rinuncia reciproca ad impugnare la sentenza",

Caso Libeccio, l'ex sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino replica con una nota al Pd: "Realtà travisata"

Caso Libeccio, l'ex sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino replica con una nota alla posizione del Pd

"La percezione dei fatti è molto spesso, soprattutto in ambito politico, influenzata dalla prospettiva del narratore, che li riporta in modo parziale, oppure travisando la realtà. Ma i fatti sono fatti e dovrebbero essere esposti in maniera oggettiva, per esporre a li ascolta dati oggettivi, dai quali poi eventualmente trarre le conclusioni".

"I fatti, nel 'caso Libeccio' sono questi: la spiaggia libera attrezzata era titolare di una sub concessione demaniale (il termine tecnico in realtà è una gestione in regime di 45 bis del codice navigazione), scaduta  al 31.12.2021; gli uffici (non la politica) provvedono con le relative comunicazioni, sopralluoghi e atti per ottenere la restituzione del bene alla scadenza convenuta; il titolare della sub concessione chiede una proroga (si, quell'istituto tanto amato anche dalla precedente amministrazione per casi analoghi: ma la normativa in materia è stringente, appalto della gestione parcheggi docet) e gli uffici (non la politica) la negano; vengono impugnati gli atti al TAR con diverse motivazioni (non entriamo nei tecnicismi) e una di queste viene accolta, ovvero quella che prevede non una proroga della concessione, ma l'applicazione del termine di 90 giorni dopo lo stato di emergenza covid, in base al quale - nella fattispecie concreta - il termine di scadenza, applicata la norma è il 29 Giugno 2022".

"Ovvero la spiaggia libera attrezzata avrebbe potuto continuare l'attività fino a tale data. Qui interviene la politica ed il buon senso e si intavolano trattative, di poi concluse, in forza delle quali, anche e soprattutto per le motivazioni già indicate e per garantire comunque il presidio, l'attività- invece di smontare in piena stagione - rimane fino alla fine della stessa. La formalizzazione dell'accordo (dal punto di vista amministrativo qualsiasi accordo deve passare attraverso l'organo a ciò deputato, ovvero la giunta) non si è potuta formalizzare perché la giunta era decaduta, ma tutto era pronto (anche questi sono fatti, che possono benissimo essere comprovati). Una buona amministrazione difende gli atti dei propri funzionari, e questo è stato fatto anche nel caso specifico".

"Ovviamente, a precisa domanda del sindaco, e come in tutte le transazioni, il Comune non verserà alcunché a Pentamar a titolo di spese legali e vi è rinuncia reciproca ad impugnare la sentenza"

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium