/ Eventi

Eventi | 24 novembre 2021, 21:15

È uscito il nuovo libro di Pier Rossi “Racconti di Bordighera 3: storie - ricordi - vite”

Storie di una città e dei suoi abitanti, specialmente quelli di ieri

La copertina

La copertina

È nelle librerie ed edicole di Bordighera e Vallecrosia “Racconti di Bordighera 3: storie - ricordi - vite”, il nuovo libro di Pier Rossi.
Come riferisce Renato Ronco, nella prefazione, nel libro emergono le storie di una città e dei suoi abitanti, specialmente quelli di ieri.

Nel libro si racconta dei grandi alberghi che caratterizzavano Bordighera ed ospitavano le grandi famiglie inglesi con la loro numerosa servitù e degli albergatori coraggiosi che diedero alla città una capienza turistica degna di ben più grandi località e che contribuirono a fare della città un richiamo turistico di alta classe. Un patrimonio che paradossalmente è rimasto vittima delle nuove ondate delle seconde case, frutto dell’ospitalità che ha sempre caratterizzato Bordighera con le sue attrattive.
Ci sono poi i capitoli che narrano della presenza di personaggi che vennero incantati dalla bellezza e dal clima di Bordighera, se ne innamorarono e ci tornarono: frequentazioni documentate ma spesso sconosciute.

Spazio anche allo sport con la probabile nascita a Bordighera, assieme a Sanremo, della prima formazione e delle prime partite di hockey sul suolo italiano. Poi una sconosciuta corsa ciclistica del 1911: la Torino Bordighera. Inoltre, nel recente periodo, il periodo di preparazione di Nino Benvenuti alla sfida con Carlos Monzon per il titolo mondiale di pugilato e la storia dei grandi successi mondiali, con base a Bordighera, di Renato della Valle nella motonautica.

Una serie di nomi altisonanti tutta da scoprire: scrittori, musicisti, artisti, scienziati, da Alphonse Daudet, Antonio Fogazzaro, Papa Roncalli, Domenico Tumiati e la Contessa Margherita Roi, Louis Pasteur, Jules Massenet, Giuseppe Giocosa, al grande fotografo Helmut Newton, al tenore Carlo Bergonzi, che vanno ad aggiungersi ai vari Garnier, Bicknell, Monet, Mac Donald, De Amicis o la Regina Margherita e la Regina Vittoria d’Inghilterra che sono talmente radicati nella mentalità dei bordigotti che spesso ne parlano e li pensano come abituali concittadini o quasi amici.     
Poi spazio all’arte: molti i pittori, sia locali che “furesti”, affascinati dalla luce, dai tramonti, dai colori, dagli angoli più caratteristici del borgo. Alcuni nomi: Piana, Von Kleudgen, Balbo, Cavalla, Allara, Allavena. E spazio anche alla musica con “performances” simpatiche di gruppi noti che una puntata a Bordighera la dovevano fare per dare maggior valore ai propri tours, e brillanti star internazionali come Gloria Gaynor, Solomon Burke, Michel Petrucciani o Dionne Warwick tra i tanti nomi prestigiosi.

Inoltre eventi ed iniziative che hanno segnato il corso dell’ultimo dopoguerra: dall’ambiziosa realizzazione dell’aeroporto turistico “Riviera dei Fiori” nella piana di Camporosso, sacrificato poi dalla costruzione dell’autostrada, alla simpatica partecipazione al programma televisivo “Tutto il mondo è paese” su Rai 1 nel 1984.
Si completa così la trilogia di Pier Rossi che ha saputo ancora raccontare le personalità ed i ricordi più belli di una cittadina che ha superato il mezzo millennio di esistenza, e li ha offerti alla lettura dei cittadini e degli ospiti di oggi ed a quelli di domani.
In copertina appare la Villa Etelinda, sulla Via Romana. In due racconti presenti nel libro si narra della sua ospitalità a Louis Pasteur dal novembre 1886 al marzo 1887 e della visita natalizia nel 1879 di Re Umberto I alla moglie, la Regina Margherita, ed al figlio Vittorio Emanuele Ferdinando.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium