/ Al Direttore

Al Direttore | 10 gennaio 2021, 20:28

Ventimiglia: Foibe, due abitanti della frazione di Latte ricordano un concittadino sepolto a Basovizza

Antonella Lercari e Angelica Murante inviano uno scritto nel quale raccontano l'odissea vissuta nel '45 da Antonio Orengo trucidato dai soldati di Tito

Ventimiglia: Foibe, due abitanti della frazione di Latte ricordano un concittadino sepolto a Basovizza

"La verità... per non dimenticare. Il ricordo delle Foibe deve essere onorato, in tutta Italia, dedicandogli piazze e vie. Ho conosciuto il destino del mio compaesano Antonio Orengo - sottolinea Antonella Lercari - facendo una vacanza con la mia amica Angelica Murante a Trieste. Molti monumenti della città ricordavano le foibe e così siamo andate a visitare quei luoghi, per capire di cosa si trattasse. Le foibe sono grandi cavità, buchi neri, profondi, del Carso. Hanno nascosto per anni, i terribili delitti perpetrati durante e dopo la guerra. Finirono in quelle fosse uomini, donne e bambini. Per ragioni politiche, di etnia, di interassi e di vendetta. Arrivate sopra la foibe di Basovizza, abbiamo scoperto una lapide che ricorda il nome di Antonio Orengo vicino a quello di 97 finanzieri della caserma di via Campo Marzio. I cognomi di quei giovani fanno intuire la provenienza: Murgia, Siddu, Di Gennaro, Sacchetti, Spinelli, La Spada, Le Rose... una lapide che rappresenta tutta l'Italia".

Antonio, aveva scritto ai genitori: 1° maggio '45. Cara madre, la guerra è finita torno a casa...".

"Di lui non si seppe più nulla. I genitori - proseguono Antonella Lercari e Angelica Murante - cercarono risposte per anni, usando ogni mezzo. Oggi sappiamo che lui, finanziere in servizio a Trieste, con tutto il suo plotone, cadde in un tranello. I soldati di Tito fecero loro consegnare le armi, promettendo che li avrebbero mandati a casa, invece furono imprigionati e portati nelle foibe. Ora il ricordo di Antonio chiede di non essere dimenticato: Antonio, finanziere di 19 anni, trucidato il 3 maggio del '45 nella fossa di Basovizza perché era Italiano, era del mio paese, Latte".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium