/ Cronaca

Cronaca | 04 ottobre 2020, 12:46

È crollato il colle di Tenda: la strada non esiste più, un disastro per Liguria e Piemonte (Foto e Video)

Le foto di Florent Adamo sono drammatiche. La strada della Val Roya non esiste più, le valli sono sfigurate, come scrive l'autore delle immagini

È crollato il colle di Tenda: la strada non esiste più, un disastro per Liguria e Piemonte (Foto e Video)

È venuto giù il colle di Tenda. E si è portato via un enorme pezzo di strada. Dal tunnel di Tenda, uscendo sul lato francese, c'è il baratro. Non si va più da nessuna parte. Sono drammatiche le immagini che ha condiviso Florent Adamo. Restituiscono la devastazione totale al di là del traforo.

Un disastro di proporzioni immani. Per l'Italia e per la Francia, per la provincia di Cuneo e per quella di Imperia. Separate da una strada che non esiste più, mangiata dalla furia di un'alluvione senza precedenti. Ora bisognerà pensare ai problemi di Airole e Olivetta San Michele ma la strada per raggiungere il Piemonte non c'è più, è venuta via spazzata dalla montagna stessa.

E' proprio Florent Adamo a scrivere: "Ieri nell'ambito del mio lavoro ho fatto un sorvolo delle valli del Mercantour per vedere i danni. Le immagini parlano da sole, le nostre valli sono sfigurate. La violenza e la traiettoria della tempesta hanno causato la rovina di molte opere, principalmente in Vésubie e in Roya (anche se anche le altre valli sono colpite). I soccorsi sono a piedi per aiutare e organizzare la ricerca dei dispersi. Ci vorrà del tempo per ricostruire tutto, ma il lavoro è già iniziato! Soprattutto state attenti, possono ancora verificarsi movimenti di terreni e infrastrutture fragili possono ancora essere destabilizzate".

Arriva l'ufficialità da parte di Anas della notizia del crollo della strada, la RD6204, prosecuzione in Francia della statale 20, anch'essa devastata dal km 101 circa, già nel territorio di Limone Piemonte. "Prematura, al momento, qualsiasi ipotesi di intervento, anche perché la zona è difficile da raggiungere. Nei prossimi giorni si procederà con la conta dei danni", dichiarano da Anas.

Barbara Simonelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium