/ Attualità

Attualità | 08 luglio 2019, 07:21

Imperia: l’Associazione Nazionale Alpini celebra i suoi cento anni, Badano, Presidente provinciale “Continuiamo a perseguire il nostro motto ‘ricordare i caduti aiutando i vivi’”

“Negli anni ’70 - spiega - l’Associazione iniziò un nuovo corso, proprio dopo il terremoto del Friuli, dove si è fatta carico della ricostruzione. E’ nata così la Protezione Civile che oggi conta migliaia di volontari.”

Imperia: l’Associazione Nazionale Alpini celebra i suoi cento anni, Badano, Presidente provinciale “Continuiamo a perseguire il nostro motto ‘ricordare i caduti aiutando i vivi’”

Un secolo fa, un gruppo di alpini reduci della Grande Guerra avvertì il bisogno di ritrovarsi per condividere le esperienze vissute in trincea e ricordare i compagni d’arme caduti al fronte. Nacque unanimemente l’idea di fondare l’Associazione Nazionale Alpini. Era l’8 luglio 1919. Per celebrare questo traguardo speciale oggi, lunedì 8 luglio, a Milano, si terranno cerimonie, incontri e un convegno. Anche dalla Provincia di Imperia partirà una piccola delegazione, per celebrare l’importante traguardo. Alla guida il Presidente sezionale Giovanni Badano che ricorda come il ruolo dell’associazione continui oggi a seguire il proprio motto ‘ricordare i caduti, aiutando i vivi’.

“Negli anni ’70 - spiega - l’Associazione iniziò un nuovo corso, proprio dopo il terremoto del Friuli, dove si è fatta carico della ricostruzione. E’ nata così la Protezione Civile che oggi conta migliaia di volontari.” 

L’abolizione della leva obbligatoria, però, non consente oggi un ricambio generazionale all’interno dell’Associazione, problematica che Badano vede con chiarezza: “Continuare con gli impegni, anno dopo anno non è semplice - continua - l’associazione è sempre su vecchia, ma noi per quanto possibile proseguiamo nel nostro impegno. Peroriamo il ritorno della leva, pur consci che la storia sia cambiata, che il servizio militare professionale abbia oggi una sua logica operativa, ma viene comunque a mancare quello che è stato in passato, ovvero il passaggio dei giovani dall’adolescenza all’età adulta.” 

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium