/ Politica

Politica | 23 ottobre 2014, 21:45

Sanremo: rapido consiglio comunale, approvata una pratica sull'Orchestra Sinfonica ma voto contrario su rischio idrogeologico

Il confronto più acceso si è svolto sul tema dell'Orchestra Sinfonica. A riguardo è stato presentato un ordine del giorno da Sanremo Attiva, approvato con 12 voti favorevoli e 11 astenuti, in cui si chiede più trasparenza sulla nomina del CdA.

Francesca Antonelli in consiglio comunale (immagine d'archivio)

Francesca Antonelli in consiglio comunale (immagine d'archivio)

Consiglio comunale rapido questa sera a Sanremo. L'assise ha discusso alcuni ordini del giorno e poi approvato tre pratiche. Il confronto più acceso si è svolto sul tema dell'Orchestra Sinfonica. A riguardo è stato presentato un ordine del giorno da Sanremo Attiva, approvato con 12 voti favorevoli e 11 astenuti, in cui si chiede più trasparenza sulla nomina del CdA. 

In particolare nel testo presentato da Francesca Antonelli si chiede al sindaco e all'assemblea che: il cda sia nominato esclusivamente in base specifiche competenze richieste per tale incarico (competenze manageriali, culturali e di gestione delle risorse umane); che la nomina del cda sia sottoposta a precisi vincoli di trasparenza, giudizio e autonomia decisionale di ognuno dei suoi membri; che i curricula dei consiglieri e del presidente siano corrispondenti alle mansioni che devono svolgere e vengano resi pubblici; che si ponga come vincolo necessario per l'esercizio del mandato, l'organizzazione di incontri periodici con in Maestri della Sinfonica che consentano di instaurare tra le parti un clima di collaborazione e di fiducia reciproca.

Prima dell'approvazione si è svolto il consueto dibattito durante il quale le varie parti hanno espresso il loro punto di vista. "Il sentimento generale del consiglio è che l'orchestra per le sue caratteristiche sia una risorsa da difendere tutti insieme - ha affermato Francesco Prevosto (SeL) - Questo odg è condivisibile anche se forse non ha torto Di Meco quando dice che la richiesta su cui si focalizza è una cosa che l'amministrazione farebbe comunque. Però non è mai sbagliato sottolineare certe esigenze: e cioè che ad amministrare l’orchestra vadano persone preparate e che non siano il ricettacolo di equilibri politici. Il nostro gruppo lo voterà per lo spirito con cui è stato fatto di sostegno e attenzione".

"Voto l'ordine del giorno con mola convinzione per quello che dice nelle premesse, cioè l'esatto contrario di quello che avete fatto voi (eventuale cambio del direttore artistico dovrebbe rientrare in un progetto più ampio tenga in considerazione le esigenze dell'orchestra sinfonica ndr) voi avete scritto al direttore chiedendogli in tre giorni un programma! - ha aggiunto il consigliere Gianni Berrino (Fratelli d'Italia) Oltre ad un impegno morale di scegliere le persone migliori, le persone devono fare un salto di qualità che non si è mai fatto. Siamo tutti convinti che l’orchestra debba continuare a vivere e non a sopravvivere".

"Il contenuto di questo ordine del giorni,  questi criteri elencati devono fare riferimento a tutte le partecipate e non solo per l'orchestra - ha puntualizzato il sindaco Biancheri - stiamo lavorando su un regolamento comunale affinché i criteri di trasparenza e tutela valgano per tutte le nostre partecipate".

Il confronto si è poi spostato sul tema del rischio idrogeologico territoriale. La pratica, sempre nell'ora dedicata alle interpellanze, è stata illustrata dal consigliere di Forza Italia, Simone Baggioli. "Vogliamo sensibilizzare la situazione di rischio idrogeologico che incombe, negli ultimi anni gli uffici hanno fatto bene, ma ci sono ordinanze urgenti nei confronti di criticità e anomalie da mettere a posto. Il numero di addetti al controllo è irrisorio. L'odg vuole sensibilizzare l'impegno da parte del sindaco e giunta per intervenire e utilizzare anche i vigili urbani per controllare le situazioni non idonee". 

"Ci tengo a sollecitare tutti i cittadini ad ottemperare tutte le ordinanze. La protezione civile non viene fatta solo da chi indossa una giacca gialla ma da tutti i cittadini - ha detto nel suo intervento il consigliere Trucco (PD) - Condivido le preoccupazioni di Baggioli, ma informo il consiglio che è stata fatta una fatta verifica su richiesta dell'assessore delegato affinché si possano identificare le situazioni di maggior rischio o importanza su pulizia degli alvei dei torrenti". "E' un odg che sicuramente è di stimolo a noi amministratori e cittadini. Si parla di ordinanze datate e non ottemperate. Leggendo questo odg il sindaco stesso si è allarmato, quello che è successo a Genova è sotto gli occhi di tutti ma stavamo agendo indipendentemente. Mi sono fatto spiegare l’impegno per la parte pubblica". 

"Stiamo passando e passeremo a verifica anche le pratiche un po’ più grosse e importanti lì da tempo, ma stiamo seguendo anche tutte le pratiche anche quelle di viabilità e ed edilizia privata" ha rassicurato l'assessore Faraldi. L'ordine del giorno non ha raggiunto la maggioranza e non è stato approvato (8 favorevoli e 14 contrari).

Il consiglio ha proceduto quindi alla discussione dei tre punti in programma: causa R.O.M.A. Costruzioni, pagamento delle spese di giudizio sentenza Tar (approvata all'unanimità), una deliberazione comunale di esclusione della scia nei centri storici e infine un'espressione di assenso a variante progettuale sulla pratica di intervento del programma locale di social housing a Bussana. 

Silvia Iuliano

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium