/ Politica

Politica | 19 marzo 2018, 13:29

Scuole di Latte, Torri e Bevera: riunione della Commissione mensa sui malesseri di alcuni bambini, Leuzzi “Attivata da subito la procedura d’emergenza, aspettiamo le analisi Asl”

Alla riunione hanno preso parte oltre alla consigliera delegata Federica Leuzzi anche l’Ufficio Scuola, i rappresentati dei genitori e degli insegnanti, nonché Deborah Murante per l’Age.

Scuole di Latte, Torri e Bevera: riunione della Commissione mensa sui malesseri di alcuni bambini, Leuzzi “Attivata da subito la procedura d’emergenza, aspettiamo le analisi Asl”

Si è riunita questa mattina a Ventimiglia la Commissione mensa convocata dalla consigliera delegata Federica Leuzzi. Incontro molto atteso a seguito di quanto avvenuto la settimana scorsa nelle scuole di Latte, Torri e Bevera, dove sono stati registrati alcuni malesseri gastrointestinali da parte di bambini e insegnanti, probabilmente dopo aver mangiato della carne nelle mense scolastiche.

“Vorrei precisare in prima battuta - spiega la Leuzzi al nostro giornale -  che la Commissione mensa di questa è stata convocata ben prima di questi fatti. Ci incontriamo periodicamente per monitorare la situazione delle mense e confrontarci con i rappresentanti dei genitori e degli insegnanti su eventuali problematiche riscontrate. Abbiamo, ovviamente, approfittato di questa riunione per parlare di quanto successo nelle scuole di Latte, Torri e Bevera.”

Alla riunione hanno preso parte oltre alla consigliera delegata Federica Leuzzi anche l’Ufficio Scuola, i rappresentati dei genitori e degli insegnanti, nonché Deborah Murante per l’Age. “Assente il consigliere d’opposizione Giovanni Ballestra - continua Federica Leuzzi - è stato convocato, ma non è mai venuto ad alcuna riunione, compresa quella di oggi.” 

La scorsa settimana, nella giornata di mercoledì, probabilmente dopo aver mangiato della carne servita nelle mense scolastiche delle tre frazioni, alcuni bambini, ma anche alcune maestre hanno riscontrato alcuni malesseri gastrointestinali. La tempestiva segnalazione di questi ultimi all’Ufficio Scuola ha dato avvio ad una serie di verifiche e controlli per verificarne la causa. Quest’ultimo, insieme alla Commissione Mensa e al Comune ha, quindi, attivato la procedura di emergenza del caso.

“I malesseri sono stati registrati dopo il pranzo di mercoledì scorso - continua la Leuzzi - la colpa è stata data a questa carne sospetta, che a quanto dicono avrebbe avuto un cattivo odore, ma è opportuno tenere conto del fatto che non tutti i bambini che hanno mangiato l’alimento sono stati poi male. Mentre nelle altre scuole non ci sono stati problemi, in quelle delle tre frazioni sì. A Latte, ad esempio, sono stati male 12 alunni su 16, ma tra le cose che abbiamo scoperto oggi, ce n’è una di cui è opportuno tenere conto: ovvero che alcuni di loro, proprio a seguito di un’influenza intestinale, seguivano già una ‘dieta in bianco’. Questo non significa che la problematica non vi sia stata, ma che non si può parlare di ‘intossicazione’, almeno finché non vi è un documento che la comprovi.” 

L’Asl tempestivamente contattata dall’Ufficio Scuola del comune di Ventimiglia si è recata presso la Cir Food per analizzare la porzione di carne ‘campione’ tenuta, come da prassi, dalla ditta, ma al momento non si conoscono ancora i risultati. La stessa Cir Food, attraverso il proprio responsabile qualità, che questa mattina ha preso parte alla commissione mensa, ha avviato una procedura di autocontrollo per chiarire quanto successo. 

“Resta il fatto - conclude la Leuzzi - che non abbiamo nessuna diagnosi di Pronto Soccorso e nessun referto firmato da un qualche pediatra in cui si evince che c’è stata un’intossicazione alimentare. Se nessuno si prende questa responsabilità, come possiamo dire che c’è stata? Soprattutto se non abbiamo ancora i risultati delle analisi Asl.”

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium