ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Attualità

Attualità | 03 maggio 2022, 07:14

Imperia, in aumento i casi di minori stranieri abbandonati: il Comune stipula la convenzione con la fondazione 'Somaschi' di Vallecrosia

Il 10% dei minori sono affidati all'ente e il dato "ha subito un significativo incremento in relazione agli eventi che si stanno verificando negli ultimi anni nell’Africa mediterranea e nel Medio Oriente e anche nel cuore dell'Europa"

Imperia, in aumento i casi di minori stranieri abbandonati: il Comune stipula la convenzione con la fondazione 'Somaschi' di Vallecrosia

Il comune di Imperia in prima linea per la tutela dei minori stranieri non accompagnati. La Giunta infatti, ha approvato la convenzione tra l'assessorato ai Servizi sociali e Politiche sociali, Politiche giovanili, Attività e Servizi Educativi ed Immigrazione, e la fondazione 'Somaschi Onlus', di Milano, ed in particolare con la sede operante a Vallecrosia che è "al momento, è riportato nella relativa delibera, l’unica presente nella provincia di Imperia disponibile a sistematizzare il percorso di accoglienza previsto dalla normativa statale e regionale; tale vicinanza, diversamente per altre consimili strutture delle quali già ci si avvale ma che hanno sede in altre città (anche fuori Regione), rende più agevole l’attività dei Servizi Sociali verso i minori che vi siano inseriti".

In particolare la convenzione si è resa necessaria in quanto il 10% circa del totale dei minori stranieri non accompagnati, individuati in stato d'abbandono o semi abbandono dalle forze dell'ordine, e successivamente  segnalati dall'autorità giudiziaria minorile, sono affidati all'ente che deve quindi provvedere anche in via temporanea alla loro assistenza. Questo dato, è riportato negli atti, "ha subito un ulteriore significativo incremento percentuale in relazione agli eventi che si stanno verificando negli ultimi anni nell’Africa mediterranea e nel Medio Oriente e, nel recentissimo periodo, anche nel cuore dell'Europa ed ai conseguenti maggiori afflussi di profughi".

Ed è per questo che il Comune ha sottoscritto la collaborazione con la sede di Vallacrosia in quanto la stessa prevede un "servizio attivo h 24 per ogni giorno dell’anno e reperibilità degli operatori attraverso il numero di cellulare della stessa comunità, la garanzia di vitto, alloggio, supporto al progetto di integrazione (scuola, ottenimento titoli di soggiorno, sostegno psicologico, mediazione linguistico-culturale) e gestione del tempo libero, il recupero del minore nell’ambito del territorio comunale anche in caso di allontanamento arbitrario".

"La tariffa giornaliera è pari a 67 euro al giorno, sono previste le coperture assicurative, la costituzione di un gruppo di lavoro multiprofessionale al fine della migliore definizione del piano individuale di intervento a favore dei minori accolti durante la loro permanenza in comunità ed in vista del loro eventuale successivo ricollocamento in ambito del sistema di accoglienza integrata".

L'ente inoltre, ha rilevato come "la tariffa giornaliera richiesta è del tutto competitiva rispetto al valore di altre strutture che operano nello stesso ambito, che ciò è quanto mai opportuno in considerazione delle ricorrenti difficoltà incontrate dal Servizio Sociale Professionale nel reperire posti di pronta accoglienza e/o residenzialità per i minori affidati, spesso in via d'urgenza, dal Tribunale per i minorenni o dalle forze delle Ordine, a seguito di provvedimenti emanati nell'ambito delle funzioni di tutela all'infanzia in stato di abbandono, ovvero in situazioni di rischio giuridico ed infine, che stante i costi di ricovero mediamente praticati dalle comunità educative per minori, gli oneri discendenti dall'accordo appaiono congrui e vantaggiosi sotto il profilo economico perché migliorativi rispetto agli attuali valori di mercato". 

 

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium